rotate-mobile
Mercoledì, 1 Dicembre 2021
Cultura

Premio COMEL: i vincitori dell’ottava edizione Legami in Alluminio

Durante la cerimonia di premiazione hanno trionfato il collettivo The Bounty Killart vincitore del Premio COMEL 2020-2021 e Ana Celdrán Beltrán che ha vinto il Premio del Pubblico

Con la chiusura della mostra Legami in Alluminio, che si è tenuta presso lo Spazio COMEL di Latina dal 2 al 23 ottobre, e la proclamazione dei vincitori si è conclusa l’ottava edizione del Premio COMEL Vanna Migliorin Arte Contemporanea. Un concorso internazionale che invita gli artisti a utilizzare l’alluminio come materiale principale dei loro lavori rispettando un tema che esalta di edizione in edizione una caratteristica diversa di questo metallo.

Nonostante la pandemia, l’edizione 2020-2021 del Premio COMEL si chiude con un bilancio più che positivo: dal numero degli iscritti (oltre 350 iscrizioni ammissibili al concorso) all’ottimo livello delle opere in concorso fino all’alta affluenza quotidiana di pubblico (sono state contate circa 300 cartoline dei votanti per il Premio del Pubblico), che non è scemata a votazioni concluse.

Questa edizione per via della pandemia e delle mille incertezze conseguenti è stata molto lunga e piena di imprevisti e difficoltà – afferma Maria Gabriella Mazzola manager della COMEL e organizzatrice del Premio insieme alla sua famiglia – ma ne è valsa la pena perché non avremmo potuto riprendere le nostre attività culturali in modo migliore: con la vicinanza e il calore del pubblico e degli artisti che ci hanno regalato delle grandi emozioni”.

In uno Spazio COMEL gremito di appassionati e artisti si è tenuta lo scorso sabato pomeriggio la cerimonia di premiazione che ha visto trionfare il collettivo torinese The Bounty Killart con l’opera Castaway.  Questa la motivazione della giuria presieduta dal prof. Giorgio Agnisola “Con un utilizzo pieno ed esperto dell’alluminio, il collettivo recupera con una fine operazione concettuale la figura della celebre scultura “Galata morente”, interpretandola con un segno ed una prospettiva intensamente allusivi alla drammatica attualità, ma anche a tutti i naufragi del tempo e della storia”.

Il premio del pubblico invece è stato vinto dall’artista spagnola Ana Celdrán Beltrán la cui opera L’abbraccio ha incantato i visitatori della mostra. I vincitori del Premio della Giuria e del Premio del Pubblico torneranno allo Spazio COMEL per una loro personale nel corso del 2022.

Dato l’alto livello delle opere, anche quest’anno i giurati hanno ritenuto opportuno assegnare delle menzioni speciali ad alcuni lavori: all’opera “We are all Made of stardus” di Penelope Chiara Cocchi, a “Venere” di Fabrizio Pedrali, a Relazioni di Mirella Saluzzo e infine anche al pontino Marcello Trabucco per l’opera “Configurazione mutevole di segni antichi”.

Non ci resta dunque che attendere il prossimo anno per scoprire quale tema e quali artisti caratterizzeranno la IX edizione del Premio COMEL.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Premio COMEL: i vincitori dell’ottava edizione Legami in Alluminio

LatinaToday è in caricamento