Sport

Latina-Frosinone 1-4, le pagelle: piovono insufficienze

Nell'infausto derby casalingo, si salva soltanto Doudou, autore del gol e di altre buone giocate. Viviani rovina tutto sbagliando il rigore. Imbarazzante la difesa

Una sconfitta che resterà nella storia, e che farà male per tanto tempo. Il primo derby in B contro i rivali ciociari, il Latina lo perde e nel peggiore dei modi. Con una prova imbarazzante, caratterizzata da un atteggiamento rinunciatario evidente in molti giocatori, sembrati quasi refrattari ad ogni forma di reazione. Dopo i ripetuti fallimenti, persino la tifoseria dei pontini, fino ad ora piuttosto indulgente nonostante una classifica pietosa, è sbottata. Nel post partita, un nutrito gruppi di supporter nerazzurri, si è catapultato nel piazzale antistante gli spogliatoi per cercare un confronto con società e giocatori. Questi ultimi sono considerati i primi responsabili della crisi, accusati di scarso impegno e di fare vita troppo mondana.

Calcio, derby Latina-Frosinone: post-partita

E’ stato necessario anche l’intervento della Polizia, dopo che un sacco della spazzatura è stato gettato all’indirizzo di fotografi e cameraman lì presenti. Regna la confusione, confermata dalla decisione del presidente Maietta di indire una conferenza stampa, successivamente annullata. Iniziano intanto a rincorrersi le voci di un nuovo avvicendamento in panchina. Breda avrebbe pensato alle dimissioni, ma per ora dovrebbe restare al suo posto. La sfida col Cittadella sarà decisiva. Intanto Iuliano (tecnico della Primavera) si prepara.

LATINA (3-5-2): Farelli 6; Dellafiore 4 Cottafava 4,5 Bruscagin 5 (1’st Sforzini 5); Milani 5,5 Crimi 5 (33’pt Sbaffo 5) Viviani 5 Bruno 5 Rossi 5,5; Pettinari 4,5 Paolucci 5 (11’st Doudou 6,5). A disposizione: Spilabotte, Sbaffo, Petagna, Ashong, Talamo, Almici, Ricciardi. All. Breda 4,5

FROSINONE (4-4-2): Pigliacelli 6; Zanon 6,5 Schiavi 6,5 Blanchard 6,5 Crivello 6; Paganini 6 Gori 6,5 (22’st Curiale 7) Gucher 7 Masucci 6,5 (33’st Altobelli s.v.); Dionisi 7 (7’st Musacci 6) Ciofani D. 7,5 A disposizione: De Lucia, Soddimo, Ciofani M., Gessa, Bertoncini, Carlini. All. Stellone

ARBITRO: Merchiori di Ferrara 6

Farelli 6 – Raccoglie la palla nella propria porta quattro volte e non ha mai troppe colpe

Dellafiore 4 – Dopo le prime uscite positive, viene inghiottito anche lui dal vortice della mediocrità. Nell’azione del primo gol, Ciofani lo sovrasta nettamente, sul terzo perde una palla che manco all’oratorio

Cottafava 4,5 – Mette a referto il fuorigioco applicato male, che manda Curiale verso il 4-1. Sul resto, è meglio sorvolare

Bruscagin 5 – Curioso che ad uscire sia il difensore che commette meno disastri. Ma le ragioni tattiche lo impongono (1’st Sforzini 5 – Entra per alzare il peso offensivo, fare sponda e aprire la difesa del Frosinone. Queste sarebbero le intenzioni, oltre alle quali c’è il nulla)

Milani 5,5 – Avvio incoraggiante con qualche sortita interessante. Sparisce lentamente, anche perché non può trascinare da sola una squadra di zombie. Mica è Garrincha

Crimi 5 – Mezz’ora a vagare per il campo trascinandosi un infortunio dal quale era riuscito a recuperare in extremis. Poi, il cambio tattico. Forse era il caso di non forzare (33’pt Sbaffo 5 – Va a fare la mezzala-trequartista, con magri risultati in ambo i ruoli)

Viviani 5 – Senza il rigore sbagliato, la sua sarebbe una partita da 7 pieno. Oltre alla traversa, tante giocate e la voglia (l’unico ad averla) di recuperare una partita già persa. Il rigore che pretende di battere lo affossa, insieme a tutta la squadra

Bruno 5 – Solita dose di corsa e randellate qua e là. Non è da lui che si può pretendere il salto di qualità

Rossi 5,5 – Dalle sue parti il Frosinone spinge e fa male. Lui soffre ma non sprofonda, e nel secondo tempo è tra i più intraprendenti

Pettinari 4,5 – Il senso di certe giocate – tipo il voler dribblare da solo tre quattro giocatori in serie – lo conosce solo lui. Qualcuno ha da ridire sulla sua collocazione tattica, lui che sarebbe un esterno, fatto sta che certe prestazioni sono impossibili da giustificare

Paolucci 5 – Dopo l’incoraggiante prova di La Spezia, cerca ancora di colpire. Ci riesce, ma invece della porta, centra la bocca di Schiavi con una precisa gomitata. Fortuna che l’arbitro non veda nulla (prova tv?). Incommentabile il resto del match, anche perché di palloni giocabili non ne arrivano (Doudou 6,5 – Un gol, un rigore procurato, tanto movimento. E’ veloce, a volte anche troppo, ma è in forma, ha i numeri, e certe caratteristiche che lo rendono unico tra i tanti – e inefficienti – attaccanti a disposizione. Sarebbe il caso che gli si dia più spazio, non solo quando la barca sta già per affondare)

Breda 4,5 – “Lei oggi ci ha fatto prendere 4 pappine, sia gentile”. Non troverà i gemelli ultras della Longobarda ad incipriargli il naso con i pomodori, ma la situazione è particolarmente critica. La squadra sotto la sua gestione sembra essere addirittura peggiorata. E lui forse sta dando ragione a se stesso quando decise di abbandonare dopo i playoff persi

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Latina-Frosinone 1-4, le pagelle: piovono insufficienze

LatinaToday è in caricamento