Pallavolo, Bagnoli si presenta. Il tecnico della Top Volley: “L’obiettivo ora è iniziare a vincere”

Conferenza stampa di presentazione del nuovo allenatore della Top Volley: "Per me è una sfida personale, dopo aver allenato grandissimi club che sono stati al vertice della classifica, il vedere se riesco a fare ancora la differenza"

Dopo l’esordio in panchina ieri nella sfida contro Piacenza in trasferta - con i pontini battuti in 4 set - oggi è il giorno della presentazione del nuovo tecnico della Top Volley, Davide Bagnoli. 

Si è tenuta questa mattina la conferenza stampa nella sede della società pontina; a fare gli onori di casa il ds Candido Grande.

Siamo contenti di aver portato Daniele Bagnoli a Latina. È un motivo d’orgoglio avere tra noi un tecnico che ha vinto tutto - ha detto Grande -. Ha già esordito, con un solo allenamento domenica mattina, a Piacenza. Mi ha colpito la voglia di cominciare subito a lavorare e di mettersi in gioco in quella che è una sua scommessa. Questo mi ha fatto capire che era l’uomo giusto. 

Voglio ringraziare Marco Franchi, per la sua disponibilità e quanto ci sta dando insieme a Maurizio, sono ‘persone di famiglia’, con loro voglio ringraziare lo staff medico e tecnico che ogni anno fa un ottimo lavoro”.

“E’ un rientro nel campionato italiano dopo dieci anni, ho trovato un ambiente molto attento, molto organizzato e molto preparato, come nei grandi club che ho allenato - ha dichiarato Bagnoli -. Dal punto di vista degli obiettivi la mia intenzione è di tirare fuori il 100% il potenziale della squadra. L’obiettivo ora è di iniziare a vincere e crescere in allenamento. La squadra è sufficientemente competitiva in un campionato italiano difficilissimo. Le prime cinque-sei squadre della Superlega sono di un’altra portata, per il resto dobbiamo giocarcela con tutti”.

Uno sguardo poi alla partita di mercoledì prossimo. “Dopo tanti anni si rientra e dopo tre giorni c’è la sfida con mio fratello a Sora, una di una lunga serie. Per me non è un derby, la vivrò come partita normale, poi è il mio esordio davanti al pubblico di Latina”.

“Per me è una sfida personale, dopo aver allenato grandissimi club che sono stati al vertice della classifica, il vedere se riesco a fare ancora la differenza o comunque tirar fuori il meglio dai giocatori - ha proseguito il nuovo tecnico del Latina -. Vivo il mio lavoro senza avere nessun timore, ho scelto di fare tutto in fretta per vedere se riuscivo da subito a trasmettere qualche cosa… mi sono sentito molto bene in panchina.

Ho avuto dei riscontri positivi sulla preparazione della gara, mentre bisogna lavorare sui cambiamenti di tattica durante la gara. Ho trovato molto bene e competitivo il palleggiatore, non c’è ancora sintonia perfetta con l’opposto, cosa che sistemeremo in palestra, e poi dal punto di vista psicologico trasferire il comportamento durante la gara. Ci sono gli strumenti per lavorare per cambiare qualche cosa. I centrali molto bene, mentre nelle bande non siamo stati costanti. La partita si vince nei dettagli, la gestione di una partita dipende da momenti. La gestione dello staff, che ho trovato, è più che buono. Tutto quello che è la condizione fisica bisogna migliorarla come la crescita della consapevolezza delle nostre potenzialità.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ai giocatori ho detto che il riferimento dobbiamo esseri noi stessi, non ci dobbiamo preoccupare degli avversari, ma di noi del nostro gioco, di non subire i momenti negati. Mercoledì - conclude - ci sarà una gara dove voglio vedere i miei giocatori come rispondono quando si ‘deve vincere per forza’ poi ce ne sarà ancora un’altra domenica”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: i contagi non si fermano: 139 nuovi casi nel Lazio e 11 in provincia

  • Latina, operazione "Dirty Glass": i nomi degli arrestati. Tra loro anche due carabinieri

  • Coronavirus, casi ancora in forte aumento: 165 in più nel Lazio e 23 in provincia

  • Operazione Dirty Glass: riciclaggio, estorsione e corruzione. Ecco i ruoli dei personaggi coinvolti

  • Operazione Dirty Glass: chi è Natan Altomare, "soggetto scaltro e pericoloso"

  • “Spregiudicato e di grande caratura criminale”: ecco chi è Luciano Iannotta

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LatinaToday è in caricamento