rotate-mobile
Attualità

Aperitivo in un locale al mare e poi shopping in centro: "Nessuno ha controllato il mio Green pass"

Il racconto di una lettrice, che ha trascorso la domenica al mare e poi in giro per i negozi a Latina: "Locali molto affollati, ma non ho trovato nessuno che facesse rispettare la regola"

Le norme in materia di contenimento del covid entrate in vigore il 1 febbraio impongono l'obbligo del Green pass per accedere a quasi tutti i servizi e le attività commerciali. Non più solo ristoranti dunque ma anche parrucchieri, estetiste e ogni altro genere di attività commerciale, con alcune precise eccezioni, come i negozi di generi alimentari, commercio al dettaglio di alimenti per animali domestici, farmacie e parafarmacie, esercizi di articoli igienico sanitari per i quali invece non è richiesto. La certificazione verde è prevista anche per accedere a banche e uffici postali.

Ma se in molti si sono prontamente messi in regola procedendo immediatamente, all'ingresso della struttura, alla verifica del possesso del Green pass dei clienti, non è così per tutti. A raccontarlo è una lettrice che nella giornata di domenica ha girato la città di Latina, dal mare al centro, senza che nessuno le abbia mai chiesto di mostrare la certificazione verde.

Prima tappa: una passeggiata al lido, gremito di domenica mattina. Molta gente a passeggiare lungo la spiaggia in uno spazio aperto, ma altrettanta concentrata anche sul pontile di Capoportiere, anche liberamente senza mascherina (che invece continua ad essere obbligatoria all'aperto e soprattutto in presenza di assembramenti). Poi, un aperitivo in un locale del lungomare, seduta ai tavolini in compagnia di altre persone, ma anche in questo caso nell'arco di un paio d'ore nessun cameriere si avvicina per verificare il Green pass. Non va meglio in un'altra zona della città, in pieno centro. In un pomeriggio di shopping approfittando degli ultimi saldi invernali, nessun titolare e nessun commesso chiede la certificazione verde. "Sono entrata in quattro negozi di abbigliamento - racconta - e anche in una tabaccheria, ma il Green pass, che avevo pronto sul telefono da mostrare, non mi è stato minimamente chiesto. Sarà che tutti gli esercizi erano particolarmente affollati, ma non ho trovato nessuno che facesse rispettare la regola che, per quanto può non essere accettata da molti, è pur sempre una regola".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Aperitivo in un locale al mare e poi shopping in centro: "Nessuno ha controllato il mio Green pass"

LatinaToday è in caricamento