rotate-mobile
Lunedì, 27 Maggio 2024
La trasmissione / Cori

“Giulianello, uno sputo di paese”: l’inchiesta “100 minuti” su La7 fa arrabbiare la comunità

L’espressione usata nel corso della prima puntata del programma scritto e condotto da Corrado Formigli e Alberto Nerazzini. Le parole del sindaco di Cori De Lillis

“Giulianello non è uno sputo di paese”: così il sindaco di Cori, Mauro De Lillis, dopo la prima inchiesta del nuovo programma di La7 “100 minuti”, scritto e condotto da Corrado Formigli e Alberto Nerazzini. Un’inchiesta che partendo da immagini inedite ed esclusive delle ultime ore di Fabrizio Piscitelli, ucciso il 7 agosto 2019 a Roma, da intercettazioni e audio agli atti di svariati processi, fa un viaggio nella criminalità nella Capitale per vedere come questa sia penetrata nel tessuto economico, politico e sociale di Roma, arrivando fino a Velletri. 

E in uno dei passaggi dell’inchiesta parlando di Giulianello viene definito "uno sputo di paese”; un’espressione che non è andata giù alla comunità locale del cui malcontento si è fatto portavoce il sindaco di Cori, Mauro De Lillis. 

“Lunedì scorso abbiamo assistito con interesse al programma ‘100 minuti’, andato in onda su La7, e ne abbiamo apprezzato la capacità di fare inchiesta, trovando conferma della professionalità di giornalisti quali Corrado Formigli e Alberto Nerazzini - ha detto il primo cittadino -. Tuttavia nel parlare di Giulianello, frazione del nostro Comune, si è usata un’espressione spiacevole come “sputo di paese”. La comunità se ne è risentita, vari cittadini durante la settimana hanno protestato fino a chiedere al sindaco di far sentire la sua voce. Raccolgo, dunque, le lamentele della comunità di Giulianello che si è sentita toccata dalle parole forse un po’ crude del giornalista. 

Come primo cittadino mi sento di ricordare che, pur essendo un piccolo centro, Giulianello racchiude in sé tesori naturalistici come il Monumento Naturale del Lago di Giulianello, un pezzo di Toscana inserito nel territorio del Lazio, e culturali come il caratteristico ‘Canto della Passione’, cui si sono interessati i più grandi esperti di linguistica ed etnomusicologia e illustri cultori della musica popolare come Giovanna Marini e Ambrogio Sparagna, custodito nel Centre Pompidou di Parigi come una delle testimonianze più rare e preziose della musica contadina. 

A ciò si aggiunga il fatto che i cittadini di Giulianello hanno collaborato con i carabinieri nelle attività di indagine dell’operazione ‘Alba Bianca’, finalizzate a liberare il territorio dal pericoloso giro di affari criminali incentrato sullo spaccio di droghe. Parliamo di una comunità sana, di persone per bene, che ha reagito e sta tutt’ora reagendo, insieme alle forze dell’ordine, a un fenomeno criminale che spaventa un po’ tutti. Tanto si doveva”, conclude il sindaco De Lillis.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

“Giulianello, uno sputo di paese”: l’inchiesta “100 minuti” su La7 fa arrabbiare la comunità

LatinaToday è in caricamento