Martedì, 16 Luglio 2024
Lotta all'inquinamento / San Felice Circeo

La costa e i fondali del Circeo ripuliti dai rifiuti: raccolti 6 sacchi di plastica e attrezzi da pesca

La spedizione di Greenpeace “C’è di mezzo il mare” ha fatto tappa sul litorale pontino: “Questa attività conferma quanto i nostri mari soffrano l’impatto dell’inquinamento da plastica e di tante altre attività antropiche”

Oltre sei sacchi di rifiuti in plastica raccolti lungo soli 40 metri di costa, una quantità notevole di nasse, reti, attrezzature da pesca e altri materiali in plastica recuperati nei fondali a largo del porto: questo il bilancio in numeri del "Greenday" organizzato da Greenpeace Italia, in collaborazione con l’associazione Teamdiver, a San Felice Circeo. 

Una iniziativa che si inserisce nell’ambito della spedizione di Greenpeace “C’è di mezzo il mare” che ha visto impegnata l’organizzazione ambientalista nella località del litorale pontino nel fine settimana appena passato e che si propone di monitorare e documentare la biodiversità e la fragilità dei nostri mari, minacciati dai crescenti impatti della crisi climatica, dell'inquinamento da plastica, della pesca distruttiva e selvaggia. 

"C'è di mezzo il mare": l'attività di Greenpeace a San Felice Circeo

L'attività svolta nel fine settimana a San Felice Circeo “conferma ancora una volta quanto i nostri mari soffrano l’impatto dell’inquinamento da plastica e di tante altre attività antropiche - ha dichiarato Giuseppe Ungherese, responsabile della campagna Inquinamento di Greenpeace Italia -. Servono misure urgenti per tutelare il Mediterraneo, a partire dall’istituzione di una rete efficace di aree marine protette: obiettivo su cui l’Italia si è già impegnata, ma che adesso necessita di concretizzarsi per proteggere almeno il 30% delle nostre acque entro il 2030”.

VIDEO | “C’è di mezzo il mare”: il racconto della spedizione di Greenpeace a San Felice Circeo

La pulizia marina e terrestre di domenica 18 giugno ha segnato il momento conclusivo della due giorni organizzata da Greenpeace Italia a San Felice Circeo: un week-end che ha visto anche l’allestimento di un “Greenpeace Village”, spazio dedicato a laboratori per i più piccoli, incontri e mostre fotografiche.

Prossima tappa dal 24 al 30 giugno con la spedizione di Greenpeace “C’è di mezzo il mare” pronta a ripartire dal porto di Marina di Nettuno alla volta delle isole pontine, Ponza e Ventotene. Il tratto di mare limitrofo alle due isole sarà teatro di monitoraggi delle popolazioni di cetacei, svolti in collaborazione con ricercatrici e ricercatori di Oceanomare Delphis che saranno disponibili per interviste a bordo.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La costa e i fondali del Circeo ripuliti dai rifiuti: raccolti 6 sacchi di plastica e attrezzi da pesca
LatinaToday è in caricamento