Trasportava in auto un chilo e mezzo di hashish: arrestato un corriere ad Ardea

La droga era già suddivisa in 15 panetti contraddistinti da un adesivo raffigurante Che Guevara

I carabinieri del nucleo operativo della compagnia di Anzio hanno arrestato un cittadino marocchino di 36 anni con l'accusa di detenzione e spaccio di stupefacenti. L'uomo non aveva precedenti penali e a lui i militari sono arrivati grazie a uno spunto info investigativo che lo indicava come probabile corriere della droga.

I carabinieri hanno così individuato l'auto a bordo del quale l'uomo si muoveva e hanno seguito pazientemente i suoi spostamenti predisponendo un servizio che ha consentito, nella serata del 27 luglio, di far scattare il controllo nella zona del lungomare di Ardea. Il 36enne, alla vista della pattuglia, ha cercato di darsi alla fuga abbandonando l'auto sul posto e cercando di disfarsi dello stupefacente, poi recuperato dai militari. In totale si trattava di un chilo e mezzo di hashish, suddiviso in 15 panetti da circa un etto l'uomo, pronti per essere smerciati sul mercato locale. Ogni panetto era contraddistinto da un adesivo raffigurante Che Guevara. Il cittadino marocchino, rintracciato in breve tempo dai militari, è stato poi arrestato e condotto nel carcere romano di Regina Coeli.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il paziente piange, l'infermiera del reparto covid si ferma e lo rassicura. Lo scatto diventa virale

  • Coronavirus Latina: lutto nell’Arma dei Carabinieri, muore l’appuntato Alessandro Cosmo

  • Coronavirus: Lazio in zona arancione. Nuove restrizioni anche per la provincia di Latina

  • Vaccini agli over 80: avviso ai medici di medicina generale. Si parte il primo febbraio

  • Coronavirus Latina, cresciuti i casi di tipo familiare. Al Goretti situazione di “continuativa emergenza”

  • Coronavirus, Latina e il Lazio in zona arancione: quali i divieti e cosa si può fare

Torna su
LatinaToday è in caricamento