rotate-mobile
Martedì, 30 Novembre 2021
Cronaca Gaeta

Barche rotte, rifiuti e lettini per occupare spiaggia libera: bonifica ambientale a Serapo

Operazione che ha visto all'opera il Comune e la Guardia Costiera. Mottola: "con le opere di riqualificazione sopratutto si costruisce un percorso di sviluppo e di crescita socio - economica".

Rifiuti di ogni genere, pezzi di barche e lettini rotti invadevano la spiaggia libera ed impedivano di utilizzarla. Tutto questo ha riguardato l'operazione congiunta di bonifica ambientale che ha visto all'opera il Comune e la Guardia Costiera.

Si è svolta mercoledì a Serapo, nel tratto di lungomare situato tra via Marina di Serapo e l'inizio di via Fontania.

Barche rotte, canoe marce, lettini da mare vecchi, alcuni legati con catene alla roccia, rifiuti di vario genere sono stati prelevati con il supporto dei mezzi dell'Ecocar, in un'azione coordinata dalla Capitaneria di Porto in collaborazione con l'assessorato alle Politiche Ambientali del Comune.

L'area è stata dunque ripulita da materiale ed immondizia di vario genere lasciata da chi, probabilmente, secondo la Capitaneria di Porto la occupava abusivamente, impedendo in tal modo di utilizzare l'arenile come spiaggia libera. 

Un cumulo di immondizia che tra l'altro impediva agli addetti del servizio ambientale di provvedere alla pulizia dalla erbacce.

"La faremo nei prossimi giorni - garantisce l'Assessore alle Politiche Ambientali Iolanda Mottola - completando così l'intervento di bonifica realizzato in sinergia con la Guardia Costiera. La nostra Amministrazione sta conducendo ampie politiche di riqualificazione ambientale su tutto il territorio dal centro alla periferia, finalizzate a garantire maggiore vivibilità e decoro urbano alla nostra città.

Perché anche così, anzi sopratutto così, si costruisce un percorso di sviluppo e di crescita socio - economica".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Barche rotte, rifiuti e lettini per occupare spiaggia libera: bonifica ambientale a Serapo

LatinaToday è in caricamento