Camorra: business di mozzarella e frutta, arresti nel clan Moccia. Perquisizioni in provincia

L'operazione di guardia di finanza di Roma e polizia di Roma; sette le ordinanze di custodia cautelare a carico di altrettanti esponenti del clan camorristico e sequestrati beni per 1 milione. Perquisizioni anche a Formia

Ha toccato anche la provincia pontina l’operazione di guardia di finanza e polizia che ha sferrato un duro colpo alle cellule imprenditoriali della Camorra a Roma: 7 le persone arrestate esponenti apicali, affiliati e prestanome del clan camorristico Moccia. Sequestrati beni per circa un milione di euro.

L’operazione, denominata “Poseidone - Passion Fruit”, è scattata questa mattina all’alba con gli uomini del comando provinciale della guardia di finanza di Roma e della Questura capitolina che hanno dato esecuzione alle 7 ordinanze di custodia cautelare emesse dal Gip del Tribunale di Roma. I reati contestati sono trasferimento fraudolento di valori, impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita, tentata estorsione, illecita concorrenza con minaccia o violenza. Ad aggravare il tutto l'associazione di tipo mafioso.

Le indagini della Squadra Mobile hanno preso il via dopo l’omicidio di Modestino Pellinoavvenuto a Nettuno il 23 luglio 2012. Pellino che all’epoca risultava essere affiliato al clan Moccia e condannato per gravi reati. Parallelamente, il GICO ha poi avviato indagini tese a riscontrare ipotesi di infiltrazioni criminali nel redditizio mercato della distribuzione agroalimentare della Capitale.

L'attività investigativa di finanza e polizia ha così permesso di disarticolare un sodalizio criminale, promosso ed organizzato da Luigi Moccia, esponente apicale dell’omonima consorteria camorristica, “il quale - si legge in una nota - è risultato essere il gestore di diverse attività imprenditoriali, attive nella Capitale principalmente nei settori della distribuzione di prodotti lattiero caseari ed ortofrutticoli, nonchè in quello turistico-alberghiero”.

Mozzarelle e prodotti ortofrutticoli erano proprio fra i business dell’organizzazione. Moccia, proseguono da finanza e polizia avrebbe "'mimetizzato' le proprie attività nell’economia, servendosi di una serie di prestanomi al fine di schermarne l’effettiva titolarità”.

I PARTICOLARI DELL’OPERAZIONE

Durante l’operazione di oggi eseguire anche 17 perquisizioni personali e locali in Campania, Lombardia e Lazio, anche nel sud pontino e in particolare a Formia. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: 236 nuovi casi in provincia e altre quattro vittime del covid da Latina e Fondi

  • Coronavirus Latina: altri 5 decessi in provincia, 139 i nuovi casi positivi

  • Coronavirus Latina: ancora 260 nuovi casi in provincia. Un altro decesso

  • Coronavirus Latina, la curva sale ancora: 260 nuovi contagi in provincia. Tre i decessi

  • Coronavirus, nuova impennata: 309 casi in provincia, quattro morti. In aumento i ricoveri

  • Coronavirus Latina: la curva dei contagi non si piega, altri 257 in provincia. Tre i decessi

Torna su
LatinaToday è in caricamento