Lunedì, 18 Ottobre 2021
Cronaca

Poco personale, polizia ridotta all'osso. Ugl: “Sollecitare il Governo”

Incontro fra il questore Intini e il segretario provinciale del sindacato Vulcano che ha chiesto l'intervento del Ministero dell'Interno per fronteggiare la scarsità di mezzi e uomini

La carenza di personale è stata al centro dell’incontro tra il segretario provinciale dell’Ugl Polizia, Elvio Vulcano, e il questore di Latina Alberto Intini.

Una scarsità di mezzi e di uomini, che sta sempre più caratterizzando la polizia di Stato della provincia, che a detta della sigla sindacale sta diventando una situazione insostenibile. Quasi tutti i commissariati della provincia si trovano ora ad affrontare quella che sempre più assume le fattezze di una emergenza.

Per questo motivo l’Ugl ritiene opportuno che venga sollecitato il Ministero dell’Interno al fine di rivedere tale situazione, soprattutto alla luce della particolare realtà della provincia pontina sempre più chiamata ad intensificare i controlli delle infiltrazioni malavitose delle contigue province campane.

Un’altra situazione, poi, che merita di essere posta sotto attenzione è quella del Centralino della Prefettura, che sostanzialmente assolve le funzioni di sala operativa diventando un riferimento per i cittadini e gli operatori e le istituzioni del territorio, gli enti locali, i consorzi e le comunità montane.

In concreto, fra le attività più vicine al cittadino, coordina: l’emergenza di protezione civile tramite i funzionari della Prefettura, dispone l’ausilio di elicotteri militari per il 118, ha competenza in merito alla viabilità per l’emergenza, è punto di riferimento di tutte le forze dell’ordine sul territorio, diffonde in modo capillare i bollettini di allerta meteo.

“Pertanto, la denominazione “centralino” non qualifica l’attività svolta dagli operatori. L’improprietà da adito a dubbi ed incertezze e potrebbe indurre il titolare dell’organizzazione del lavoro ad un eventuale accorpamento, come da alcuni proposto, con l’ufficio del centralino della Questura, deputato “sic et sempliciter” allo smistamento delle telefonate” si legge in una nota dell’Ugl. Inoltre l’attuale presidio vive uno stato di precarietà in quanto i vari pensionamenti non sono stati integrati.

Pur comprendendo il delicato e particolare momento economico del paese, che ha inciso oltremodo sull’ organico, la sigla sindacale ritiene inopinabile che si possa privare il territorio di un Ufficio che nasce per svolgere prettamente funzioni di emergenza e sicurezza, si prendano solo in considerazione gli ultimi avvenimenti dalle scosse sismiche alla situazione metrologica di questi giorni.

Il questore Intini ha assicurato di valutare le problematica; per ora non ci resta che attendere

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Poco personale, polizia ridotta all'osso. Ugl: “Sollecitare il Governo”

LatinaToday è in caricamento