rotate-mobile
Cronaca Europa / Via della Rimembranza

Cimitero: “Una bozza di accordo tra Comune e Ipogeo che pesa sui cittadini”

A parlare il consigliere del Pd Giorgio De Marchis e Sergio Sciudone: “Una tassa di 300 euro per gli utenti e 1 milione e 600mila euro per un progetto di finanza presentato come gratuito”

"Una tassa di 300 euro per gli utenti e 1 milione e 600mila euro per un progetto di finanza presentato come gratuito. La vicenda della privatizzazione del cimitero assume sempre di più la connotazione di una partita a scacchi tra l’arroganza del potere da una parte e i cittadini dall’altra”.

Con queste parole il consigliere comunale del Pd Giorgio De Marchis e Sergio Sciaudone commentano “una delle ultime mosse” dell’amministrazione sul fronte della gestione del cimitero cittadino, ovvero il riconoscimento nella manovra di assestamento di bilancio di una previsione pluriennale di oltre due milioni di euro previsti in un accordo transattivo tra il Comune di Latina e la società concessionaria Ipogeo, “un accordo – denunciano i due - mai discusso né visionato in Consiglio comunale, tantomeno nelle commissioni consiliari”.

Come fanno sapere De Marchis e Sciaudone, nella bozza d’accordo si leggono proposte che qualora venissero approvate rappresenterebbero “un duro colpo” per tutte le famiglie di Latina che hanno un defunto nel cimitero urbano. “Nella bozza infatti – spiega Sciaudone - si legge che malgrado il momento di crisi perdurante il Comune decide di sostituire il balzello dei 15 euro annui previsti per la pulizia delle aree cimiteriali (450 euro in 30 anni di concessione) con una tassa di 300 euro in una unica soluzione all’atto della stipula del contratto, da applicarsi a tutti gli utenti sprovvisti di copia del contratto da esibire, ovvero ad oltre 20mila sepolture che non hanno mai fatto il contratto, come ammesso l’ingegner Le Donne in una commissione del 2007. Tra l’altro – aggiunge Sciaudone - i cittadini sarebbero ancora più vessati dall’introduzione dell’obbligo di rifare le lapidi in tutta la parte storica. Inoltre l’accordo riconosce all’Ipogeo la possibilità di non costruire 3.000 loculi sociali rispetto a quelli previsti dal contratto”.

Ma c’è dell’altro; la bozza d’accordo prevede l’obbligatorietà del rinnovo delle concessioni anche a chi non vuole o non può sottostare a questo nuovo balzello. “Questo accordo – afferma il consigliere del Pd De Marchis - pianifica lo svuotamento d’ufficio del vecchio cimitero visto che se la bozza sarà approvata i resti dei defunti verranno messi in cassettine per 18 mesi e poi definitivamente nell’ossario comune e visto che, qualora finissero nell’ossario, il Comune si sostituirebbe alle famiglie nel pagare la tassa di 300 euro.

Quindi, diversamente da quanto annunciato sul project financing a costo zero, il Comune ovvero la collettività sarà costretta a pagare 1.668.295,61 di fatture emesse e 625.700 più Iva per maggiori oneri sopportati dalla concessionaria. Soprattutto questi soldi verranno presi dal bilancio comunale tagliando tutte le spese previste per il 2015-2016 ancora non impegnate, ovvero gran parte della spesa sociale e della spesa per investimento del comune di Latina”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cimitero: “Una bozza di accordo tra Comune e Ipogeo che pesa sui cittadini”

LatinaToday è in caricamento