Cisterna, raffica di furti nelle aziende nella zona industriale: l’appello al prefetto

Il grido di allarme di Impresa a tutela delle aziende del Consorzio Obbligatorio Cisterna prese di mira da un gruppo di ladri che agisce anche a distanza di pochi giorni

Raffica di furti nelle aziende del Consorzio Obbligatorio Cisterna: questo l’allarme che viene lanciato da Impresa, Associazione dell’Industria e delle Piccole e Medie Imprese, che ha inviato una lettera al prefetto. L’obiettivo è quello di portare all’attenzione delle istituzioni il senso di frustrazione, insicurezza, impotenza e malessere che si sta diffondendo tra gli imprenditori di quella ricca area industriale.

“Sin dalla sua costituzione – commenta il presidente Giampaolo Olivetti – Impresa quale associazione nazionale e aderente a ConfCommercio, si è fatta portatrice delle esigenze dei propri associati presso le istituzioni locali, affinché la risoluzione delle problematiche sia propedeutica ad una crescita economica del territorio. Da qualche tempo numerose aziende che ricadono nella zona del Consorzio Obbligatorio Cisterna stanno subendo furti da una banda ben organizzata di malfattori, composta da sei o sette elementi e rinominata, una ‘Banda del buco’ per la modalità con cui si introduce con destrezza nelle imprese, che rischiano di esser messe in ginocchio dovendo contrastare oltre alla stagnazione del mercato economico anche tali azioni criminose”.

Questi esperti delinquenti non vengono dissuasi nemmeno dalla presenza di una fitta rete di telecamere e sistemi antifurto, che disattivano con abilità, arrivando perfino a recidere i fili che si trovano nei pozzetti. E qualora scatti un allarme, restano nascosti per il tempo necessario all’imprenditore di arrivare e controllare che sia tutto a posto, per poi introdursi nelle aziende indisturbati.

“Si fanno beffa delle telecamere – racconta Michela Quattrociocchi, presidente del Consorzio Costruttori Pontini e Consigliere del Consorzio Obbligatorio Cisterna – agiscono con volto e corpo coperti, così da evitare di mostrare eventuali segni distintivi, con un fare di ‘sfida’, riuscendo a dileguarsi prima dell’arrivo dei controlli. Una volta dentro fanno razzia di materiali, attrezzature e perfino mezzi, compromettendo in questo modo anche la produzione e amplificando il danno che non è solo circoscritto al valore del singolo oggetto rubato, ma moltiplica i suoi effetti sulle commesse. E ciò che è peggio è che i furti sono ripetuti, anche per cinque o sei volte, a distanza di pochi giorni. Abbiamo provato a rivolgerci a ditte che si occupano di offrire servizi di guardiania notturna ma i prezzi sono insostenibili”.

“Se consideriamo anche l’aspetto psicologico – sottolinea Olivetti – vediamo che il danno è ancora più esteso. Imprenditori e dipendenti hanno timore di restare da soli fino a tardi in azienda e di uscire quando si fa buio. Più di qualche imprenditore imposta sveglie notturne per recarsi in azienda e controllare che nessuno abbia violato i cancelli. È una condizione logorante, che devasta la quotidianità degli imprenditori che non sanno più come difendersi e che vivono con sconforto l’ennesima denuncia che non può fare altro che portare i Carabinieri a redigere l’ennesimo verbale contro ignoti, che restano impuniti”.

Urge l’intervento dello Stato. “Nei distretti industriali – fa leva il ddirettore Generale Saverio Motolese – si ha spesso la sensazione di isolamento e abbandono e quindi diventano facili prede da colpire. Della loro messa in sicurezza non possono e non devono farsene carico gli imprenditori che già pagano il senso di impunità e di non certezza della pena”.

Per questo Impresa ha chiesto un incontro al prefetto Maria Rosa Trio per riportarle le esigenze non più procrastinabili delle aziende del Consorzio Obbligatorio Cisterna, nonché valutare la predisposizione di efficaci misure di contrasto al fenomeno delittuoso, garantendo la sicurezza degli imprenditori, che sono prima di tutto cittadini, e un’adeguata vigilanza del territorio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il paziente piange, l'infermiera del reparto covid si ferma e lo rassicura. Lo scatto diventa virale

  • Coronavirus Latina: lutto nell’Arma dei Carabinieri, muore l’appuntato Alessandro Cosmo

  • Coronavirus: Lazio in zona arancione. Nuove restrizioni anche per la provincia di Latina

  • Coronavirus Latina, altra impennata: 382 nuovi casi in provincia. Un decesso

  • Coronavirus Latina: sono 119 i nuovi casi positivi in provincia. Un altro decesso

  • Coronavirus, Lazio a rischio zona arancione: cosa cambia per la provincia di Latina

Torna su
LatinaToday è in caricamento