Cronaca

Denuncia la scomparsa del nipote, era stato arrestato e aveva fornito falso nome

Un cittadino siriano aveva perso le tracce del ragazzo di 24 anni da più di un anno. Il giovane, sbarcato clandestinamente in Italia, dopo essere scappato nel nord Europa era stato arrestato a Roma ma aveva fornito un nome di fantasia

Più di un anno di apprensione, nessuna notizia di quel nipote di 24 anni che sembrava sparito nel nulla ma che in realtà era stato arrestato fornendo un falso nome.

Erano i primi di febbraio quando un un cittadino siriano si è presentato in Questura per denunciare la scomparsa del proprio nipote K.M.S. di 24 anni, del quale aveva perso le tracce da circa 18 mesi. Anche i genitori del ragazzo, che vivono all’estero, avevano presentato una denuncia.

Alla polizia l’uomo ha raccontato che il nipote era sbarcato clandestinamente sulle coste italiane verso la fine dell’estate del 2014, poi si era illegalmente trasferito in un paese del Nord Europa dove, poco dopo, era stato scoperto e riconsegnato alle autorità.

Da quel momento in poi, il ragazzo siriano sembrava essere scomparso nel nulla, tant’è che anche l’utenza telefonica con numerazione italiana di cui era in possesso, era oramai continuamente irraggiungibile.

Ma approfonditi accertamenti svolti dai poliziotti dell’Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico hanno permesso di ricostruire la vicenda: K.M.S. aveva fornito alle forze dell’ordine, in tutte le circostanze, nomi di fantasia e, per ultimo, nell’estate del 2015 quando è stato tratto in arresto dalla polizia della capitale per rapina aggravata in concorso.

I familiari, sconvolti per il comportamento del ragazzo, hanno comunque tirato un sospiro di sollievo temendo una disgrazia.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Denuncia la scomparsa del nipote, era stato arrestato e aveva fornito falso nome

LatinaToday è in caricamento