Mercoledì, 27 Ottobre 2021
Cronaca

Dipendenze dal gioco d’azzardo, primo bilancio di “Rien ne va plus”

Il progetto patrocinato dall'assessorato ai servizi sociali del Comune; da settembre ad oggi sono 40 i contatti e 12 i casi che si sono trasformati in una presa in carico terapeutica

Combattere le dipendenze che non sono legate all’assunzione di sostanze, come ad esempio quelle da gioco compulsivo ma anche da internet, videogame o rapporti affettivi, è l’obiettivo del progetto “Rien ne va plus” attivo sul territorio del capoluogo dal giugno scorso.

Il progetto, finanziato dalla Regione Lazio attraverso il Fondo Nazionale Lotta alla Droga, è organizzato dalla Coop. Soc. Saman Servizi, in partnernariato con il Ce.I.S. di Roma che conduce un intervento gemello sul territorio della Capitale. La fase operativa, iniziata nel settembre 2011, ha da subito incontrato il favore dei Servizi Pubblici del territorio, tanto da essere patrocinata dall’assessorato ai servizi sociali del Comune di Latina, che lo scorso dicembre ha presentato l’iniziativa agli organi competenti attraverso una conferenza stampa.

E, in seguito agli ultimi episodi di cronaca, compreso quello della coppia dei genitori denunciata per abbandono di minore dopo che aveva lasciato i figli da soli in macchina per giocare alle slot machine, l’assessore ai Servizi Sociali del Comune di Latina ha voluto tracciare un primo bilancio.

Dall’apertura del servizio (settembre 2011) ad oggi l'intervento si è gradualmente radicato sul territorio; nonostante il carattere innovativo delle azioni e la peculiarità delle stesse, infatti, si è assistito a un significativo e costante aumento del numero delle richieste di consulenza. E sono i numeri a parlare; in pochi mesi sono 40 i contatti registrati di cui 20 hanno poi portato ad un primo appuntamento e 12 i casi che si sono trasformati in una presa in carico terapeutica a tutti gli effetti.

L’obiettivo è favorire il distacco dai comportamenti di dipendenza, rielaborando la propria storia personale e familiare da un punto di vista emotivo e razionale, usufruendo di un sostegno per dinamiche conflittuali relative al ruolo familiare, genitoriale e sociale. La metodologia si basa su un’attività terapeutico-educativa individuale e di gruppo divisa in tre fasi:

1) una fase di orientamento in cui i soggetti vengono accompagnati a instaurare una relazione positiva tra loro e nei confronti della struttura e in un percorso di abbandono dei comportamenti compulsivi, devianti e disfunzionali;
2) una fase intermedia in cui si approfondiscono in gruppo tematiche personali legate alle sfere affettiva, emotiva, familiare e sessuale anche attraverso la stimolazione di dinamiche empatiche di identificazione, proiezione, transfert tra utenti e operatori;
3) una fase conclusiva sulla separazione, l’autonomia, la responsabilità e la consapevolezza personale.

Fin dall’inizio del programma sono coinvolti, ove possibile e/o necessario, i familiari e sostenuti in un percorso terapeutico parallelo. Una volta a settimana, poi, si organizza un gruppo di Auto Mutuo Aiuto per problematiche di gioco (ludopatia), seguito dagli stessi operatori che lavorano nel progetto. Gli obiettivi mirano al definitivo abbandono dei comportamenti di dipendenza ed una ripresa del controllo della propria vita e delle proprie responsabilità, estinguendo gli alti costi personali, sociali ed economici prodotti dai comportamenti compulsivi (assenteismo, fallimenti lavorativi, difficoltà economiche, assenza di cura nei confronti della famiglia).

L’equipé è formata da due psicoterapeuti (dr. Basso e dr.ssa Pappacena) e da una operatrice (sig.ra Cencia). L’ambulatorio è attivo dal lunedì al giovedì dalle ore 15:00 alle 19:00 presso la sede SAMAN, Centro Diurno situato in via Tiziano, 10 a Latina. Per informazioni e contatti è attivo il numero verde 800144786 dalle 9:00 alle 17:00; si possono inoltre contattare gli operatori allo 0773.472071 dal lunedì al giovedì dalle 15:00 alle 19:00.

“I media continuano a raccontare storie di ragazzi che non riescono più a fare a meno dei videogiochi o dei social network – afferma l’assessore Patrizia Fanti – o addirittura di mamme che trascorrono le loro giornate alle slot machines trascurando la loro famiglia e il loro dovere di madri. Queste nuove dipendenze portano all’isolamento, sono le istituzioni a dover intervenire sostenendo progetti come “Rien ne va plus”, attivando percorsi di recupero che passano attraverso la maggiore consapevolezza di se stessi e delle proprie azioni”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dipendenze dal gioco d’azzardo, primo bilancio di “Rien ne va plus”

LatinaToday è in caricamento