menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Fatture false e riciclaggio: la Finanza scopre un'evasione da 100 milioni. Operazione tra Roma e Latina

Scoperta un'organizzazione criminale che operava tra le due province. Sequestri per 20 milioni di euro e perquisizioni in corso

Una vasta operazione dei finanzieri del Nucleo speciale di polizia valutaria, coordinata dalla Procura della Repubblica di Roma, è in corso dalle prime ore di questa mattina con una serie di sequestri preventivi e di misure interdittive personali nei confronti dei componenti di un'organizzazione criminale dedita all'emissione di fatture false e al riciclaggio.L'operazione tocca le province di Roma e di Latina. Sono circa 50 i militari impiegati, mentre ammonta a oltre 100 milioni di euro l'evasione fiscale scoperta e a 55 milioni il provento di operazioni di riciclaggio e autoriciclaggio.

Si tratta di un'organizzazione già colpita alla fine del 2017, quando furono arrestati quattroimprenditori romani ritenuti gli ideatori del complesso sistema di frode. Le successive indagini della Guardia di finanza hanno consentito di individuare altri soggetti all'interno della stessa struttura criminale ai quali erano assegnati compiti precisi, quali la costituzione di società 'cartiere', la predisposizione di false fatture e il riciclaggio del denaro corrisposto a fronte del pagamento dei documenti fiscali emessi. Centrale nell'organizzazione è stata l'attivita' di procacciamento di nuovi clienti svolta da un commercialista romano, che indirizzava i suoi assistiti a servirsi delle prestazioni dell'organizzazione.

L'autorità giudiziaria capitolina ha emesso, nei confronti dei capi e dei loro più stretti collaboratori, una misura di sequestro preventivo per equivalente per un importo totale di circa 20 milioni di euro, cifra considerata profitto dei reati di omessa presentazione delle dichiarazioni Iva, emissione di fatture per operazioni inesistenti, riciclaggio ed auto-riciclaggio. Disposto ancche il sequestro preventivo di 12 società cartiere e di un sito internet. A 21 persone fisiche, 'clienti' dell'organizzazione criminale, sono state notificate altrettante misure cautelari di interdizione all'esercizio di attivita' professionale, d'impresa e dagli uffici direttivi. I militari hanno inoltre proceduto al blocco dei saldi dei conti correnti e degli altri rapporti finanziari intestati o riconducibili agli indagati, compresi depositi titoli e cassette di sicurezza. Perquisizioni in corso finalizzate al reperimento di denaro contante.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

LatinaToday è in caricamento