Sabato, 31 Luglio 2021
Cronaca

Furti in serie alle attività commerciali: presa la banda della slot machine

Scattata l'operazione "Notte sicura" della squadra mobile di Latina in collaborazione con la volante e la polizia stradale. Tre arresti. Scoperta e sequestrata un'officina abusiva

Una banda di origine rumena specializzata in furti ai danni di esercizi commerciali è stata individuata nel corso di un’operazione condotta dalla squadra mobile di Latina, dalla volante e dalla polizia stradale. L’operazione “Notte sicura” è scattata nel pomeriggio di ieri, con una serie di perquisizioni e con l’arresto di tre soggetti di nazionalità rumena.

I sopralluoghi prima di ogni colpo

La banda aveva preso di mira diversi locali e bar con slot machine. I componenti del gruppo facevano sopralluoghi, preparavano il colpo e pochi giorni dopo entravano in azione, quasi sempre di notte. Gli investigatori sono riusciti a individuarli grazie ai filmati delle videocamere installati all’interno degli esercizi derubati. I filmati mostravano i componenti del gruppo intenti a giocare alle slot qualche giorno prima di ogni colpo.

squadra mobile latina e volante-2

Gli esercizi commerciali svaligiati dai ladri

Nella notte di Capodanno avevano svaligiato la sala slot di via Giulio Cesare, fuggendo con un bottino di 80mila euro contenute nelle macchinette. Dopo quel furto gli investigatori hanno avviato le indagini con una serie di servzi di pedinamento e osservazione del gruppo, che solitamente si muoveva a bordo di una Bmw o di una Punto nera. Hanno poi confrontato i filmati della videosorveglianza delle attività commerciali, individuando gli stessi soggetti in occasione del furto commesso ai danni di un tabacchi di via Isonzo il 13 novembre scorso; di un bar di Corso Matteotti il 16 novembre; di una sala slot di viale Nervi il 19 dicembre, quando la polizia riceve la segnalazione della manomissione di un antifurto dell’esercizio. In quell’occasione gli agenti delle volanti seguono i sospettati per tutta la notte ma il furto non viene consumato. Il 4 gennaio viene invece segnalata dal gestore di un negozio di gastronomia di Tor Tre Ponti la presenza di due rumeni all’interno del locale, uno intento a giocare alle macchinette, l’altro intento a riprendere all’interno con il telefonino. Due giorni più tardi l’esercizio commerciale verrà svaligiato.

Le parole del vicequestore Carmine Mosca

Gli arresti per furto di energia elettrica

Il sostituto procuratore Marco Giancristofaro ha quindi autorizzato le perquisizioni domiciliari. In un appartamento di via Oberdan è stato ritrovato un sistema che consentiva di allacciarsi alla rete elettrica senza contatore. Il furto stimato è di 3mila euro. Per due degli indagati e la madre di uno di loro è quindi scattato l’arresto in flagranza di reato per furto di energia elettrica. Ma i tre, processati poi questa mattina per direttissima sono tornati in libertà.

Arnesi da scasso e monete

Nel corso delle perquisizioni sono stati trovati numerosi arnesi da scasso, tra cui cesoie, verricelli, cacciaviti e trapani, guanti, bombolette Arnesi da scasso e monete spray di vernici e silicone utilizzate per oscurare i sistemi di videosorveglianza e manomettere gli antifurti. Oltre a diverse monete provento di furto. Tutto il materiale è stato posto sotto sequestro.

Scoperta una discarica abusiva

L’indagine sui furti ha poi portato gli investigatori a scoprire un’officina in via Casaselva, sulla Pontina, completamente abusiva. Qui la banda veniva a parcheggiare la Fiat Punto utilizzata per i furti. In un’area di 5mila metri quadrati sono state trovate circa 40 auto con targhe dell’Est Europa,  componenti di veicoli, cataste di scarti edili e rifiuti plastici. L’area è stata sottoposta a sequestro e ora la polizia stradale ha avviato accertamenti sulla provenienza dei veicoli. Il gestore, un cittadino rumeno di 33 anni, è stato denunciato a piede libero per gestione illecita di rifiuti. A suo carico è stata elevata una sanzione di 20mila euro. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Furti in serie alle attività commerciali: presa la banda della slot machine

LatinaToday è in caricamento