Vergognoso furto: rubata una carrozzina elettrica per disabili. Diaphorà: “Gesto infame”

Questo il commento dell’associazione di volontariato presso cui la vittima del furto frequenta i laboratori. La stessa Diaphorà nelle scorse settimane era stata derubata dai ladri

(foto dalla pagine Facebook dell'associazione Diaphorà)

Lascia senza parole quanto accaduto nei giorni scorsi a Latina dove ladri senza alcuno scrupolo hanno rubato la carrozzina elettrica di una persona con disabilità. 

A denunciare l’accaduto l’associazione Diaphorà presso cui la vittima del vergognoso furto, che ora è impossibilitata a muoversi in autonomia, frequenta i laboratori. Il furto proprio nei pressi della sua abitazione dove aveva lasciato la carrozzina prima di salire a casa. “L’aveva lasciata fuori l’ascensore, sul pianerottolo” spiega attraverso un post pubblicato su Facebook la stessa associazione di volontariato nata nel 2002, da un’idea di alcuni genitori, con l’intento di dare voce alle esigenze delle persone disabili e delle loro famiglie. Al mattino seguente non c’era più.  

“Con quella carrozzina si spostava in autonomia per fare la spesa e andare dal medico, ora dovrà sperare che qualcuno l’accompagni. Non so cosa stia accadendo. Il furto alla sede ci ha lasciati amareggiati, ma grazie alla solidarietà di tanti amici siamo riusciti a sollevarci in pochissimi giorni. Questo furto è ancora peggio perché si tratta davvero di un gesto infame” concludono dalla Diaphorà. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Meno di un mese fa, infatti la sede della stessa associazione aveva ricevuto la visita sgradita dei ladri che avevano rubato l’attrezzatura dei laboratori dei ragazzi, tra cui un forno della cucina, la piastra ad induzione, il proiettore, il telefono, la cassetta degli attrezzi, il televisore, l’amplificatore e i microfoni del karaoke”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente sull'Appia, scontro tra auto e moto: la vittima è Sacha Carnevale

  • Violenza sessuale nello studio di una professionista, arrestato un giovane di 21 anni

  • Coronavirus Latina: dopo due giorni a zero, un nuovo caso in provincia. Calano i ricoverati

  • San Felice Circeo, stagione balneare al via ma solo per prendere il sole: vietato il bagno in mare

  • Coronavirus: 5 nuovi contagi nel Lazio. Aumenta anche il numero delle persone guarite

  • Coronavirus: un solo caso in provincia, 11 nel Lazio con 72 guariti in 24 ore

Torna su
LatinaToday è in caricamento