rotate-mobile
Lunedì, 16 Maggio 2022
Cronaca

Bilancio di fine estate, incendi boschivi in calo. Novità in arrivo in provincia

Sono stati 1366 gli interventi per incendi da parte dei vigili del fuoco dal 15 giugno al 30 settembre sui 3639 totali. La novità: attivi fino al 31 dicembre i due presidi Anticendio Boschivo di Fondi e Castelforte

Sarà stata forse la stagione altalenante che ha allentato la morsa di un fenomeno che comunque rimane allarmante, ma durante l’estate si è resgistrata una diminuzione del numero degli incendi boschivi, sia in riferimento al 2012 che al 2011.

È questo uno dei dati su cui ha soffermato la sua attenzione il comandante provinciale dei vigili del fuoco di Latina, Cristina D’Angelo, che stamattina ha illustrato il bilancio di fine stagione in riferimento al lavoro svolto dai pompieri nell’estate 2013.

Fra il 15 giugno e il 30 settembre 2013 sono stati 1.366 incendi di bosco, macchia mediterranea, sterpaglie e zone agricole in tutto il territorio pontino, 57 in meno rispetto al 2012 (1423) e ancor meno rispetto al 2011 (2070).

Ma gli interventi dei vigili del fuoco nei tre mesi estivi non hanno riguardato solo lo spegnimento di incendi. Come ha tenuto a precisare, infatti, lo stesso comandante, "è ampio il ventaglio delle attività dei vigili del fuoco, che rientrano proprio in quello che viene nominato il soccorso tecnico urgente”, dai casi di rami pericolanti (277) all’apertura di porte e finestre (493) e alle verifiche statiche sugli edifici (189), dal soccorso alle persone agli incidenti stradali (85) fino alla bonifica di vespe e calabroni (143) e alle indagini di polizia giudiziaria (89).

Un totale dunque di 3639 interventi ripartiti tra i cinque distaccamenti con sede fissa e attivi 365 giorni all’anno (Latina, Aprilia, Terracina, Gaeta e Gaeta Mare), le cinque sedi stagionali dedicate alla Campagna Aib - Anticendio Boschivo – (Sezze, Fondi, Castelforte, Ponza e Ventoten, queste ultime due le new entry di quest’anno)  e il presidio in convenzione di Rio Martino. La maggior parte si sono concentrati soprattutto nelle zona di Latina (1214), Terracina (615), Aprilia 543) e Gaeta (509).

Ma la novità di quest’estate è stato il servizio dei canadair gestito dai vigili del fuoco con “la maggior parte degli interventi della regione Lazio, ben il 64% – ha spiegato il comandante D’Angelo -,  che hanno interessato il territorio pontino, e in particolare quello di Itri e di Gaeta maggiormente colpite dal fenomeno degli incendi boschivi negli ultimi tre mesi”. Altra novità è rappresentata dalla Tas, la squadra di specialisti che si occupa di topografia applicata al soccorso in particolare per la ricerca di persone scomparse, ad indicare come “anche i vigili del fuoco si stanno evolvendo e stanno sfruttando sempre più le nuove tecnologie a disposizione per lavorare e d intervenire in maniera sempre più efficiente ed efficace”.

I PRESIDI DI FONDI E CASTELFORTE – Notizia delle ultime ore, è quella legata ai due presidi Aib di Fondi e Castelforte che saranno operativi da oggi, 14 ottobre, e fino al 31 dicembre, grazie ad una convenzione con la Regione Lazo. Ma l’attenzione in queste ore rimane ancora sul sito di Castelforte; proprio il comandante D’Angelo, ancora una volta oggi ha ribadito la necessità di riuscire a trasformarlo in una sede permanente al fine di raggiungere tempestivamente una vasta area del sud pontino.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bilancio di fine estate, incendi boschivi in calo. Novità in arrivo in provincia

LatinaToday è in caricamento