Cronaca

Adesca un minore su Facebook, pedofilo in silenzio davanti al Gip

E' stato interrogato questa mattina l'uomo di 35 anni, originario di Velletri, che aveva dato appuntamento al ragazzino di Latina dopo avergli mandato messaggi espliciti sulla chat. Era stato incastrato dai carabinieri e finito in manette

E' stato interrogato questa mattina il pedofilo finito in manette per tentata violenza su minore dopo una trappola organizzata dai carabinieri. L'uomo, un 35enne originario di Velletri e residente ad Aprilia, è comparso davanti al Gip del tribunale di Latina ma ha scelto di avvalersi della facoltà di non rispondere

Il Gip ha confermato per lui la misura della custodia cautelare in carcere, dove è rinchiuso da giovedì scorso quando, ai giardini pubblici di Latina, è scattata l'operazione. Il 35enne ha infatti precedenti specifici per adescamento e corruzione di minore. 

Nei giorni scorsi aveva adescato un ragazzino del capoluogo, minore di 14 anni, e aveva cominciato a inviare messaggi e richieste esplicite in chat. Il minorenne ha però subito informato la famiglia che non ha esitato a rivolgersi alle forze dell'ordine. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Adesca un minore su Facebook, pedofilo in silenzio davanti al Gip

LatinaToday è in caricamento