Cronaca

Preso con la cocaina nascosta nella gamba del tavolo, l'interrogatorio dal gip

Il 32enne di Latina finito ai domiciliari si è avvalso della facoltà di non rispondere rilasciando però spontanee dichiarazioni

Resta agli arresti domiciliari Federico Candida, il 32enne arrestato mercoledì dagli uomini della Squadra Volante della Questura di Latina con l’accusa di detenzione a fini di spaccio di sostanze stupefacenti.

Nel corso di una perquisizione all’interno della sua abitazione gli agenti, coadiuvati da un cane dell’Unità cinofila, hanno trovato oltre un etto di cocaina nascosta all’interno di una gamba del tavolo che si trovava in soggiorno. Nelle altre gambe del tavolo sono stati poi rinvenuti i componenti di un bilancino di precisione e tutto l’occorrente per il confezionamento della droga oltre a 1300 euro in contanti.

Stamattina l’interrogatorio di convalida davanti al giudice per l’udienza preliminare del Tribunale di Latina Giuseppe Molfese al quale Candida, assistito dall’avvocato Gaetano Marino, ha rilasciato spontanee dichiarazioni avvalendosi però della facoltà di non rispondere. Il gup ha quindi convalidato il fermo e confermato la custodia cautelare ai domiciliari.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Preso con la cocaina nascosta nella gamba del tavolo, l'interrogatorio dal gip

LatinaToday è in caricamento