Controlli antidroga in via Virgilio con l'unità cinofila: trovati hashish e cocaina

La denuncia è scattata per un italiano di 53 anni. In azione la squadra volante e il reparto prevenzione crimine

Nuovo servizio straordinario di controllo del territorio è statoposto da parte della polizia a Latina. In azione tre equipaggi della Squadra volante e altre due  pattuglie del Reparto Prevenzione Crimine provenienti dalla Capitale con la presenza della unità cinofila antidroga Jamil della polizia di frontiera di Fiumicino.

Intorno alle 10,30 di oggi, sulla scorta di informazioni acquisite in forma confidenziale nell’ambito dell’attività di contrasto allo spaccio  di sostanza stupefacente, il  personale della polizia ha raggiunto via Virgilio per una perquisizione domiciliare. Nel corso degli accertamenti all'interno di un'abitazione, all’interno di un cassetto della sala da pranzo è stata rinvenuta della droga, in particolare 12 grammi tra hashish e cocaina suddivisa in tre involucri. Il proprietario di casa, I.G. italiano del 1966, con precedenti specifici, è stato denunciato per detenzione di sostanza stupefacente a fini di spaccio

Sempre in mattinata un altro equipaggio della Volante, durante l’attività di controllo del territorio, in via Pasubio ha proceduto al controllo di un’auto con alla guida un giovane che, alla vista della polizia, ha invertito repentinamente il senso di marcia tentando di allontanarsi. L’uomo è stato poi raggiunto e bloccato dall’equipaggio: non aveva mai conseguito la patente ed era  già stato fermato e denunciato a Frascati nel giugno dello scorso anno.  D.A., 35 anni, è stato denunciato di nuovo per guida senza patente e  sanzionato amministrativamente. L’auto è stata invece sequestrata ai fini della confisca.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Violenta lite all’autolavaggio, tre arresti per tentato omicidio. Pestato un 48enne

  • "Certificato pazzo" in cambio di soldi: un medico della Asl al centro del "sistema"

  • Processo Alba Pontina, Pugliese racconta: “Ho deciso di collaborare per non essere ammazzato"

  • "Certificato pazzo", primi interrogatori: un'arrestata ascoltata in ospedale

  • Morto dopo un inseguimento notturno di una ronda, processo davanti alla Corte di Assise per omicidio

  • Processo Alba Pontina, Pugliese racconta: minacce anche per controllare il prezzo del pesce al mercato

Torna su
LatinaToday è in caricamento