rotate-mobile
Cronaca

Ufficio del Giudice di pace alla paralisi, la mobilitazione del sindacato

La carenza di personale impedisce persino di eseguire le sentenze. La Cgil indice un'assemblea e prepara ulteriori iniziative

L’Ufficio del giudice di pace di Latina è ormai ridotto alla paralisi con centinaia di sentenze che non vengono eseguite a causa della cronica carenza di personale. Così la Funzione Pubblica Cgil ha indetto per oggi l’Assemblea generale del personale che presta servizio presso quell’ufficio “per attivare un percorso di mobilitazione ormai non rinviabile e spingere  il Presidente del Tribunale e l’amministrazione centrale ad intervenire una volte per tutte in misura adeguata a  garantire finalmente un servizio giustizia efficiente”. 

“Il sindacato – sottolinea il segretario Funzione pubblica Cgil Vittorio Simeone - ha segnalato a tutte le autorità competenti la situazione assurda che vive l’ufficio: Presidente del Tribunale, Presidente della Corte di Appello, Direttore Generale del Ministero della Giustizia, Capo di Gabinetto del Ministero della Giustizia, Sottosegretario del Ministero della Giustizia. La prima responsabilità di tale paralisi è senza dubbio del Ministero che continua ad assegnare personale a tutti gli uffici giudiziari superiori dimenticando che la giustizia minore del Giudice di pace in realtà interessa tutti i cittadini. La sua competenza interessa la materia civile e penale e non è accettabile – continua - che una parte lesa veda condannare il colpevole e poi la sentenza resti ferma sul tavolo per mancanza di personale che provvede a pubblicarla ed eseguirla.

Il presidente del Tribunale a fronte di circa 200 unità lavorative in servizio presso il Tribunale deve inviare soltanto tre unità al Giudice di pace, proprio come prevede il regolamento che disciplina gli spostamenti del personale: queste tre unità, la cui perdita temporanea non crea alcun problema al Tribunale devono corrispondere alle qualifiche che mancano vale a dire un direttore, un cancelliere e un assistente giudiziario”. Simeone sottolinea inoltre la necessità che l’applicazione di tre unità avvenga a tempo pieno e cioè 5 giorni alla settimana per sei mesi a fronte della attuale applicazione per due giorni a settimana di due funzionari.  

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ufficio del Giudice di pace alla paralisi, la mobilitazione del sindacato

LatinaToday è in caricamento