Cronaca

Decine di telefonate e messaggi alla ex, resta ai domiciliari con divieto di avvicinamento

Interrogato il 48enne arrestato dai carabinieri per avere perseguitato la donna con la quale aveva avuto una storia

Ha ammesso di avere inviato decine di messaggi e di avere fatto altrettante telefonate, anche cinquanta in un solo giorno, alla sua ex C.P., il 48enne di Latina finito agli arresti domiciliari per atti persecutori.

L’uomo era stato sorpreso dai carabinieri sotto l'abitazione della donna ad Aprilia che lo aveva già denunciato in precedenza per essere stata oggetto di minacce di morte oltre che di decine e decine di telefonate dopo la fine della storia con il 48enne ed era stato arrestato per stalking. C.P. è stato ascoltato dal giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Latina Mario La Rosa e ha risposto alle domande ammettendo tutto e spiegando che aveva scoperto che lei frequentava un’altra persona.

A conclusione dell’interrogatorio il gip ha convalidato l’arresto confermando la detenzione ai domiciliari e stabilendo il divieto di avvicinamento alla donna.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Decine di telefonate e messaggi alla ex, resta ai domiciliari con divieto di avvicinamento

LatinaToday è in caricamento