Mercoledì, 20 Ottobre 2021
Cronaca

Processo Arpalo, Maietta chiede i domiciliari. Parere favorevole della Procura

Ieri pomeriggio udienza fiume. La difesa cerca di far estromette i foglietti sequestrati nello studio di Paolo Censi il giorno del suicidio

Pasquale Maietta ha chiesto di poter lasciare il carcere e andare ai domiciliari, richiesta che ha ottenuto il parere favorevole della Procura ma sulla quale si dovrà pronunciare il Tribunale nei prossimi giorni.

L’istanza è stata presentata ieri pomeriggio nel corso dell’udienza del processo Arpalo che vede sul banco degli imputati, oltre all’ex parlamentare e presidente del Latina Calcio, l’ex copresidente della società nerazzurra Paola Cavicchi, suo figlio Fabrizio Colletti, Fabio Allegretti, Giovanni Fanciulli, Pietro Palombi, Roberto Noce e Paola Neroni, chiamati a rispondere a vario titolo di associazione per delinquere finalizzata alla bancarotta fraudolenta, al trasferimento di valori all’estero, riciclaggio trasnazionale, corruzione reati tributari e societari.

In aula la difesa ha anche presentato una lunga serie di eccezioni finalizzate ad estromettere dal processo sia i “pizzini” rinvenuti nello studio dell’avvocato Paolo Censi il giorno del suo suicidio – che sono collegati alle vicende delle società di Maietta e Cavicchi – che alcuni documenti relativi alla rogatoria con la Svizzera. A conclusione della camera di consiglio il Tribunale, presieduto da Francesco Valentini, ha respinto le eccezioni ammettendo dunque la documentazione rinviando poi all’udienza del 15 gennaio prossimo.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Processo Arpalo, Maietta chiede i domiciliari. Parere favorevole della Procura

LatinaToday è in caricamento