Cronaca Gaeta

Gaeta, emergenza maltempo: la città torna lentamente alla normalità

Il sindaco ha chiesto un vertice per coordinare gli interventi per il ripristino della funzionalità del Torrente Pontone. Buoni i risultati ottenuti dall'unità di crisi: rientra l'emergenza idrica

“Una gestione della crisi davvero tempestiva e organizzata quella posta in essere dal Comune di Gaeta a seguito della grave calamità naturale e la consequenziale interruzione del flusso idrico che hanno investito la città negli ultimi giorni” così commenta l’amministrazione della città del golfo le ultime 48 ore caratterizzate dall’emergenza idrica e dall’emergenza maltempo.

Già nella giornata di ieri, nel pieno dell’emergenza idrica causata dalla forte ondata di maltempo che nella serata di mercoledì si è abbattuta sulla città di Gaeta come su gran parte del sud pontino, è stata istituita l’Unità di Crisi, presidiata per 24 ore dal gruppo di lavoro interforze composto dalla Protezione Civile, la Croce Rossa, l’Ordine di Malta, il Comando dei Vigili del Fuoco, la Polizia Locale, l’Ufficio Tecnico Comunale, la Polizia Locale, la Capitaneria di Porto, il Gruppo Guardia di Finanza di Formia e la Scuola Nautica Guardia di Finanza di Gaeta.

“Proprio a seguito dello stato di mobilitazione del Comune - afferma l’assessore Leccese – si è riusciti ad intervenire in tempi record negli eventi del 31 ottobre, liberando già dalle ore 22 la foce del Porto Commerciale di Gaeta, e monitorando la zona di Vindicio. Qui gli uomini del Comune, dopo aver disposto la chiusura di Via Canzatora, si sono attivati nella la ricerca dell’anziana donna dispersa, ritrovata poi senza vita, a circa 200 metri di distanza dalla sua abitazione in Via Canzatora, nel territorio di competenza del Comune di Formia”.

Importante dunque l’attività svolta dall’Unità di Crisi al servizio dei cittadini: “La sinergia posta in essere dalle varie forze che la compongono ha consentito la gestione ottimale ed efficace dell’emergenza – afferma il sindaco Mitrano -.  Ma senza la fattiva collaborazione della popolazione tutto ciò non sarebbe stato possibile.”

L’altro fronte su cui sta lavorando l’amministrazione è anche quello del ritorno alla normalità del Torrente Pontone, che esondato ieri ha causato la morte dell’anziana signora di 82 anni trasportata e trascinata via dalle acque.

Proprio per questo motivo il Comune di Gaeta ha convocato con urgenza un vertice interistituzionale: “Obiettivo della riunione – dichiara il Sindaco Cosmo Mitrano - è coordinare i necessari interventi per un immediato ripristino della funzionalità del Torrente Pontone, in considerazione dello stato critico in cui versa il fossato a seguito degli eventi metereologici del 31 ottobre scorso”.

Invitati a partecipare la Regione Lazio – Protezione Civile, l’ARDiS (Agenzia regionale difesa del suolo), la Provincia di Latina, i Comuni di Itri e Formia, il Consorzio Industriale Sud Pontino, il Consorzio di Bonifica, e la Comunità Montana.

EMERGENZA IDRICA – Intano Acqualatina ha fatto sapere che il “personale tecnico ha completato la sostituzione dei motori delle pompe e sarà ripristinato la distribuzione del flusso idrico nel Comune di Formia alle ore 17:00 di oggi 2 novembre 2012 nel Comune di Gaeta alle ore 18:30 di oggi 2 novembre”.

Le autobotti resteranno posizionate fino alle ore 22:00 di oggi.

Le autobotti a Formia sono state posizionate presso:
- Largo D.Paone (nuova autobotte aggiunta nella mattinata di oggi)
- Piazza Mattei (nuova autobotte aggiunta nella mattinata di oggi)
- Piazza S. Erasmo
- Piazza Vittoria
- Via Condotto, nei pressi delle case popolari
-Piazza Mercato, nei pressi della Polizia di Stato
-Parcheggio Piazzale Immobiliare La Fontana, antistante Polizia Stradale
- Quartiere Scacciagalline

Le autobotti a Gaeta sono state posizionate presso:
- Piazza Municipio
- Località Calegna
- Corso Italia, nei pressi della pasticceria Stenta
- Piazza Stazione
- Monte Tortona
- Villa delle Sirene

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Gaeta, emergenza maltempo: la città torna lentamente alla normalità

LatinaToday è in caricamento