Arriva il nuovo questore, De Matteis: "Sarà una sfida impegnativa”

Si è insediato questa mattina il nuovo questore Giuseppe De Matteis che succede ad Alberto Intini: "Latina è una città difficile; il mio impegno è quello di lavorare duramente per garantire sicurezza"

Questore Giuseppe De Matteis (fotoservizio Gabriele Tamborrelli)

Latina è una città difficile, rispetto alla quale ci sarà molto da lavorare, sarà una sfida impegnativa”. Si è insediato questa mattina il nuovo Questore di Latina Giuseppe De Matteis, 55 anni, originario di Gallipoli, una lunga esperienza anche nel contrasto alla criminalità organizzata.

Anche su questo tema il primo dirigente si è espresso, precisando che “nella provincia pontina, anche in assenza di un sistema di controllo del territorio da parte di gruppi organizzati, sulla base dei dati a disposizione, si può dire che anche a Latina esiste una forma di criminalità organizzata, si estendono gli affari delle vicine realtà illecite, soprattutto in relazione al riciclaggio, all’investimento di capitali di provenienza illecita, senza un riferimento alla mafia in senso tecnico. Un tempo il ruolo principale all’interno delle organizzazioni era svolto dalla persona al vertice, oggi sostituita dai flussi di capitali”.

“Latina è una città che sta diventando qualcos’altro, il mio impegno è quello di lavorare duramente per garantire sicurezza. Ai primi posti ordine pubblico, polizia giudiziaria, attività informativa, riferita al delicato lavoro svolto dalla Digos”.

Per prima cosa De Matteis ha voluto sottolineare la stima che lo lega da sempre al questore Alberto Intini, che la lasciato Latina per andare a dirigere l’Osservatorio Nazionale per le Manifestazioni Sportive, “un grande funzionario della polizia di Stato e un grande uomo, che ha egregiamente portato avanti questo lavoro, così come il questore che lo ha preceduto Niccolò D’Angelo: l’efficienza del lavoro da loro svolto è testimoniata dai posti che attualmente ricoprono”.

Un pensiero soprattutto alla Questura di Frosinone che ha appena lasciato, dove ha portato a termine indagini delicate anche nel contrasto alle infiltrazioni criminali.

Tornando a Latina il nuovo questore ha voluto sottolineare “il triste primato che la provincia ha raggiunto, con la disoccupazione al 14% e il raddoppiamento dei reati ambientali nell’ultimo anno, con cento casi scoperti. Latina è una città difficile da decifrare ma per me questo è uno stimolo a lavorare bene. Uno strumento indispensabile è di sicuro la valorizzazione dei rapporti umani” in riferimento alle persone con le quali dovrò portare avanti questa nuova avventura. De Mattei si è presentato questa mattina alla stampa, accanto a lui il capo della Digos Roberto Artusi e il capo di Gabinetto, Manuela Iaione .

GLI AUGURI DEL PREFETTO E DI ZINGARETTI

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus Latina: altri 5 decessi in provincia, 139 i nuovi casi positivi

  • Coronavirus Latina, la curva sale ancora: 260 nuovi contagi in provincia. Tre i decessi

  • Coronavirus Latina: sono 169 i nuovi casi positivi in provincia. Altri tre decessi

  • Coronavirus, nuova impennata: 309 casi in provincia, quattro morti. In aumento i ricoveri

  • Tamponi in farmacia, dove farli a Latina e provincia. L'elenco completo e gli indirizzi

  • Coronavirus, contagi in risalita: 180 casi e ancora quattro decessi in provincia

Torna su
LatinaToday è in caricamento