Cronaca Gaeta

Occupazione abusiva di spiaggia libera, nuovo sequestro della guardia costiera a Serapo

L'operazione della guardia costiera di Gaeta. Il blitz stamattina presto quando oltre 100 metri quadrati di spiaggia libera erano stati già occupati. Scattano le denunce. Fondamentali le segnalazioni dei cittadini sui social network

Prosegue senza sosta la battaglia della guardia costiera di Gaeta all’abusiva occupazione di pubblico demanio marittimo su tutto il litorale di competenza della provincia di Latina. 

L’ultima operazione è scattata questa mattina all’alba sul litorale di Serapo - Località Fontania. 

In seguito a numerosi sopralluoghi e preventivi appostamenti, anche anche con personale in abiti borghesi in modo da confondersi fra i bagnanti, i militari hanno accertato che oltre 100 metri quadrati di spiaggia libera erano stati già occupati attraverso la preventiva ed arbitraria occupazione dell’area demaniale. 

“Tale condotta illecita - spiegano dalla guardia costiera con una nota -, veniva realizzata con il posizionamento delle attrezzature balneari, senza che le stesse fossero realmente occupate dai bagnanti ed in alcuni casi ne veniva simulata l’occupazione collocando teli da mare ed indumenti sulle sdraio e lettini”. 

Il materiale posizionato abusivamente sull’arenile è stato rimosso mentre i responsabili sono stati denunciati a piede liberoProcura di Cassino per il reato di abusiva occupazione del pubblico demanio marittimo. 

“Veniva così restituita alla libera fruizione un ampio tratto di arenile considerato di particolare pregio ambientale, ricadendo lo stesso nel tratto di costa ricompreso nei siti di importanza comunitaria (S.I.C.) per la regione biogeografica mediterranea. 

L’operazione di polizia giudiziaria posta in essere - proseguono dalla Capitaneria di Porto di Gaeta - è stata possibile anche grazie alle attività info-investigative eseguite dagli uomini della Guardia Costiera di Gaeta, che hanno utilizzato e valorizzato le preziose informazione fornite dagli utenti del web che attraverso i 'post' e relativi 'commenti' sui più importanti social network, nonché segnalazioni, hanno consentito di acquisire informazioni e modalità circa l’illecita attività perpetrata in tale zona di costa”.       

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Occupazione abusiva di spiaggia libera, nuovo sequestro della guardia costiera a Serapo

LatinaToday è in caricamento