Cronaca

Operazione Alba Pontina, il prefetto si complimenta con la Squadra mobile

Il prefetto Maria Rosa Trio in visita in Questura questa mattina per incontrare chi si è occupato dell'indagine che ha portato all'arresto del clan Di Silvio

"Ho ritenuto di venire qui personalmente, ritenevo fosse giusto nei confronti i tutti gli uomini della squadra mobile che hanno lavorato. Si è riusciti, insieme  all'autorità giudiziaria, a raggiungere un risultato per Latina importantissimo, che è però anche un punto di partenza". Sono le parole del prefetto di Latina Maria Rosa Trio, che questa mattina ha voluto fare visita alla Questura per incontrare il Questore Carmine Belfiore, il dirigente della squadra mobile Carmine Mosca e tutti gli investigatori delle sezioni. Una visita per complimentarsi con chi ha portato avanti l'indagine Alba Pontina, conclusa martedì con 25 arresti del clan Di Silvio e il riconoscimento dell'esistenza di una mafia autoctona a Latina.

"Era per me necessario venire qui -  ha detto il prefetto a margine dell'incontro con gli agenti - io coordino le forze dell'ordine e sentivo di non poter far passare sotto silenzio un momento così importante per la Questura di Latina. La squadra mobile è fatta da tante persone. E' un gruppo, e solo con un'azione sinergica si ottengono questi risultati. L'obiettivo è il cittadino, che va rassicurato e tutalato".

"Un'operazione che ha radici ormai nel passato - ha agigunto il Questore Carmine Belfiore - Un bella soddsfazione, così come la visita del prefetto che ha per noi un signiicato altissimo. Il sistema sicurezza funziona perché all'unisono le forze dell'ordine parlano una sola lingua. Nell'attività di polizia giudiziaria grande plauso va anche all'autorità giudizaria di Roma e di Latina. Possiamo dire con soddisfazione che la strada è quella giusta". 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Operazione Alba Pontina, il prefetto si complimenta con la Squadra mobile

LatinaToday è in caricamento