rotate-mobile
Venerdì, 20 Maggio 2022
Cronaca

Popolazione, dati Istat: a Latina quasi 96 uomini ogni 100 donne

Primi dati del 15esimo Censimento generale della popolazione e delle abitazioni: nella provincia pontina la maggior differenza di genere del Lazio. Aumentano ultracentenari e stranieri

A Latina si registra la minore differenza di genere tra uomini e donne della regione. Nel Lazio ci sono 92 uomini ogni 100 donne (2.637.150 uomini, 2.865.736 donne), senza significative variazioni a livello provinciale, con il livello più basso del rapporto che si riscontra in provincia di Roma, dove si contano 90,8 uomini ogni 100 donne, mentre nella provincia pontina si registra la minore differenza di genere (95,7 uomini ogni 100 donne).

È quanto emerge dai primi risultati definitivi del 15esimo Censimento generale della popolazione e delle abitazioni resi noti dall'Istat, presentati ieri durante un convegno a Palazzo Valentini dalla Prefettura di Roma e dall'Istituto Nazionale di Statistica.

Dall'analisi della distribuzione della popolazione laziale per sesso ed età, inoltre, emerge che la popolazione giovanile (da 0 a 24 anni, estremi compresi) è in prevalenza di sesso maschile (27.674 uomini in più rispetto alle donne); oltre i 24 anni il rapporto si inverte per tutte le età (210.717 donne in più).

Invece dal 2001 al 2011 la percentuale di popolazione di 65 anni e più nel Lazio è passata dal 18,0% (919.452 persone) al 20,2% (1.112.429 persone) così come i ''grandi vecchi'' (ultra 85enni) hanno aumentato il loro peso sul totale della popolazione residente (dall'1,8% del 2001 al 2,6% del 2011).

In particolare, si registra un aumento del 97,3% nella classe 95-99 anni e del 204,0% in quella degli ultracentenari. Le persone di 100 anni e piu', infatti, erano 399 nel 2001 (90 maschi e 309 femmine) mentre adesso sono 1.213 (216 maschi e 997 femmine). L'incidenza percentuale maggiore è delle donne (82,2%). La provincia di Roma è quella in cui risiede il maggior numero di ultracentenari (871 persone, il 71,8% del totale degli ultracentenari laziali); seguono le province di Frosinone (118, il 9,7%) e Latina (113 pari al 9,3%) e sono in tutto 209 i comuni in cui risiedono cittadini ultracentenari, tra questi: Roma Capitale (681, il 56,1% del totale degli ultracentenari laziali), Frosinone (18), Terracina (16), Latina (14), Nettuno (11) e Aprilia (10).

SEMPRE PIÙ POPOLATI I COMUNI MEDI GRANDI - il Censimento Istat sulla popolazione rileva anche che sono sempre più popolati i comuni di media e grande dimensione nella regione Lazio: dal 2001 ad oggi, 268 comuni laziali (70,9% del totale) hanno aumentato la popolazione.

La dorsale tirrenica (Viterbo, Roma e Latina) comprende il maggior numero di comuni con tassi di incremento demografico positivo: crescono l'86,8% dei comuni in provincia di Roma, il 78,8% in provincia di Latina e il 78,3% in provincia di Viterbo. I comuni che hanno subito un decremento sono 110, di cui 10 con variazione compresa tra 15,0% e 25,0% (8 nelle sole province di Roma e Rieti).

AUMENTANO GLI STRANIERI - Quasi triplicata nel corso dell'ultimo decennio la popolazione straniera residente nel Lazio, passando da 151.565 a 425.583 unita'. Un incremento di pari entita' si registra anche nell'incidenza degli stranieri sul totale della popolazione residente, che sale da 29,6 a 77,3 stranieri per mille censiti. Quattro stranieri su cinque risiedono in provincia di Roma (80,5%), il 7,5% in quella di Latina e solo il 2,3% in provincia di Rieti.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Popolazione, dati Istat: a Latina quasi 96 uomini ogni 100 donne

LatinaToday è in caricamento