Bracciante abbandonato alla stazione dal datore di lavoro si sdraia sui binari: non è mai stato pagato

La segnalazione di Marco Omizzolo: "Guardate come riduciamo le persone, questo è sfruttamento ed emarginazione"

Un lavoratore indiano abbandonato alla stazione ferroviaria di Priverno dal suo datore di lavoro. La segnalazione del caso arriva da Marco Omizzolo, sociologo di Sabaudia e ricercatore Eurispes impegnato da molti anni sul territorio nella lotta al caporalato e allo sfruttamento del lavoro in agricoltura. La storia è stata immortalata in un video pubblicato su Youtube e ripreso da Omizzolo sulla sua pagina Facebook. 

Il migrante ha con sé una valigia ed è sdraiato sui binari della ferrovia in prossimità della stazione di Priverno. Non vuole muoversi da lì e prima dell'intervento delle forze dell'ordine racconta, a chi glielo chiede, la sua drammatica vicenda. Dice di aver lavorato per diversi mesi per un uomo che si chiama Giovanni e di aver curato il bestiame nella stalla di proprietà del suo datore di lavoro. Ma non è mai stato pagato e non ha mai avuto un contratto di lavoro. Come forma di protesta l'uomo ha quindi deciso di sdraiarsi sui binari. E' senza soldi e non sa più dove andare. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Guardate come riduciamo le persone - commenta Marco Omizzolo - Questo è caporalato, sfruttamento, emarginazione, povertà indotta per arricchire i conti correnti del padrone, per permettergli di comprare nuove serre, nuove case e nuovi suv. Ci si può solo vergognare e mobilitarsi con tutta l’indignazione possibile e desiderio di cambiare questo stato di cose. Questa è "l’accoglienza del padrone”. Chi paga per questa condizione? Chi è il responsabile? Da che parte stiamo? Questo video è anche la risposta migliore a chi dice che cerchiamo “solo medaglie”, che diciamo “solo bugie”, che il caporalato e lo sfruttamento “sono casi isolati di poche persone”. Capita ogni giorno. Ogni giorno". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, ecco la prima mascherina senza elastici: l’idea di un giovane di Priverno

  • Aperte anche le spiagge libere, ecco le regole: bagno fino alle 19 e distanze di sicurezza

  • Coronavirus: nel Lazio 21 nuovi casi, in provincia 544 contagi totali

  • Stagione balneare al via, si torna al mare anche a Sabaudia: tutte le regole e i divieti

  • Coronavirus: nuovi contagi distribuiti nei comuni di Latina, Maenza, Priverno e Cisterna

  • San Felice Circeo, stagione balneare al via ma solo per prendere il sole: vietato il bagno in mare

Torna su
LatinaToday è in caricamento