Cronaca Formia

Rifiuti e raccolta differenziata: continua la lotta ai “furbetti del sacchetto” a Formia

Giornata di formazione dedicata al tema dei controlli sulla corretta esecuzione della raccolta differenziata per i vigili urbani. Assessore Marciano: "Già ottenuti importanti risultati con le fototrappole e le multe dei giorni scorsi"

Continua la lotta ai “furbetti del sacchetto” a Formia. Ieri la Polizia Locale è stato protagonista di un’intensa giornata di formazione dedicata al tema dei controlli sulla corretta esecuzione della raccolta differenziata. 

Gli esperti della “Formia Rifiuti Zero” hanno accompagnato i vigili in un percorso di approfondimento sulle varie fasi del ciclo dei rifiuti e sulle pratiche più efficaci da mettere in campo per centrare risultati ancora più rilevanti sotto il profilo ambientale ed economico.

“In questi anni – spiega l’assessore alla Sostenibilità e alla Polizia Locale Urbana Claudio Marciano – Formia ha intrapreso un percorso di gestione moderno e virtuoso che mira alla progressiva riduzione della quantità di rifiuto prodotto e ad una efficace differenziazione delle frazioni raccolte. La percentuale di raccolta differenziata è salita progressivamente, fino a superare la soglia del 70% confermata nello scorso mese di dicembre. Per crescere ulteriormente e produrre un rifiuto di maggior qualità, c’è bisogno del contributo di tutte le componenti impegnate nel processo.

Alla sensibilizzazione e informazione dei cittadini va abbinata una capillare e sapiente attività di controllo per prevenire ed eventualmente reprimere le residue sacche di resistenza che ancora oggi esistono”. 

“Tuttora ci sono cittadini che preferiscono abbandonare i sacchetti per strada piuttosto che adeguarsi alle regole del calendario di raccolta. Verso condotte di questo tipo non intendiamo avere alcun tipo di tolleranza e i vigili urbani sono uno strumento importante in questo senso. La collaborazione con la ‘Formia Rifiuti Zero’ ha già prodotto i primi risultati con le multe comminate nei giorni scorsi ai cosiddetti ‘furbetti del sacchetto’ individuati attraverso l’uso delle fototrappole.

Coinvolgere il personale in un percorso formativo di questo tipo significa incentivare la rete operativa – conclude Marciano -, arricchendola di nuove conoscenze e, spero, di uno spirito di collaborazione ancora più forte”.  

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rifiuti e raccolta differenziata: continua la lotta ai “furbetti del sacchetto” a Formia

LatinaToday è in caricamento