Cronaca

Sabaudia, quasi due etti di cocaina nascosti in una villetta comunale: 30enne arrestato

Le indagini dei carabinieri dopo il rinvenimento dello stupefacente hanno portato al giovane: la perquisizione in casa ha permesso di scovare anche altri 80 grammi di hashish

Un giovane di 30 anni è stato arrestato dalla polizia per il reato di spaccio di sostanze stupefacenti. Nella mattinata di oggi, sabato 19 giugno, gli agenti della Sezione Antidroga della Squadra Mobile hanno dato esecuzione all’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal Gip del Tribunale di Latina, su richiesta della Procura della Repubblica di Latina, nei confronti del 30enne.

Tutto inizia lo scorso 21 aprile quando durante un servizio di controllo del territorio svolto a Sabaudia dagli uomini della Polizia Locale e della Questura di Latina, all’interno di una villetta comunale è stato notato il 30enne che alla vista degli agenti si è subito dileguato a bordo della propria auto. Il personale intervenuto insospettito dal comportamento del ragazzo ha subito ispezionato i luoghi all’interno dell’area pubblica, rinvenendo a ridosso di un muretto, e celata sotto gli aghi di pino, una busta di plastica nella quale vi erano 10 involucri avvolti con nastro isolante. A seguito di accertamenti tecnici la sostanza stupefacente è risultata essere cocaina, per un peso complessivo di circa 180 grammi e dal quale potevano essere ricavate circa 400 dosi .

La Procura di Latina, nell’ambito di indagini coordinate dal procuratore aggiunto Carlo Lasperanza e dal sostituto procuratore Giuseppe Miliano, ha disposto allora una perquisizione presso l’abitazione del 30enne durante la quale sono stati rinvenuti 80 grammi di hashish, da cui era possibile ricavare circa 350 dosi. Gli accertamenti sono stati quindi estesi anche ai locali di una società di cui il ragazzo è amministratore unico e sono stati eseguiti dagli agenti della Squadra Mobile permettendo di scovare materiale per il taglio, il confezionamento e 3 bilancini di precisione contenenti ancora tracce di sostanza polverosa bianca.

Tutto il materiale è stato sottoposto a sequestro e a perizia; così è stato appurato che il materiale di confezionamento era dello stesso tipo col quale risultavano confezionati gli involucri rinvenuti nella villetta comunale in centro a Sabaudia e che i residui di polvere bianca sui bilancini erano di cocaina, tagliata con lo stesso farmaco non stupefacente.

Ora sono in corso ulteriori approfondimenti investigati da parte della Squadra Mobile diretta dal vice questore aggiunto Giuseppe Pontecorvo che d’intesa con la Procura di Latina mira a ricostruire a Sabaudia la rete di complici ed assuntori del 30enne

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sabaudia, quasi due etti di cocaina nascosti in una villetta comunale: 30enne arrestato

LatinaToday è in caricamento