rotate-mobile
Sabato, 21 Maggio 2022
Cronaca

Anche i trasporti nella bufera, nuovo stop: sciopero di 24 ore

Indetto da Usb, Slaicobas, Orsa, Cib-Unicobas, Cnater, Sicobas e Usi la serrata prevede un'intera giornata di blocco. A rischio autobus locali, ma vengono assicurati i servizi minimi essenziali

Ancora un venerdì nero per i trasporti pubblici. I lavoratori il prossimo 27 gennaio incroceranno di nuovo le braccia per l’intera giornata aderendo ad uno sciopero che è stato indetto da Usb, Slaicobas, Orsa, Cib-Unicobas, Cnater, Sicobas e Usi.
 

LE MISURE DELLA SERRATA

Settore Trasporto Aereo: 24 ore con le seguenti articolazioni:
-    personale Navigante:  24 ore di sciopero con rispetto fasce di garanzia e dei voli garantiti;
-    personale di Terra Turnista: 24 ore nel rispetto delle fasce di garanzia;
-    personale di Terra Normalista: intero turno.
Settore Trasporto Marittimo:
-    collegamenti isole maggiori: Personale amministrativo, intero turno; Personale viaggiante, da un ora prima delle partenze del 27 gennaio;
-    collegamenti isole minori: Personale amministrativo, intero turno; Personale viaggiante,  dalle 00,00 del 27 gennaio 2012 alle 24,00 del  27 gennaio;
Settore Trasporto pubblico locale e  trasporto merci e logistica:
-    24 ore nel rispetto delle fasce protette localmente definite.     
Settore Ferroviario:  
-    addetti agli impianti fissi ed uffici  -   intera giornata del  27 gennaio 2012;
-    personale addetto alla circolazione dei treni -    dalle 21.00 del 26/01/12 alle 21.00 del 27/01/12;
 

I MOTIVI DELLO SCIOPERO
“Le misure del governo colpiscono pesantemente i lavoratori dei trasporti – si legge in una notta scritta dalle sigle sindacali congiunte -, sia come cittadini, per l’aumento delle tasse e la riduzione dei servizi sociali; poi per le privatizzazioni e le liberalizzazioni, che pesano come sempre sul costo del lavoro e sull'occupazione; infine, come qualsiasi altro lavoratore, per l'attacco a contratti e salari aggravato dall'accordo del 28 giugno scorso di Cgil, Cisl e Uil con Confindustria, ripreso dal Governo Berlusconi e proseguito da Monti e Fornero”.

“I lavoratori dei trasporti, stanchi di essere indicati come privilegiati, non sopportano più di pagare per l'incompetenza di manager e politici, non intendono più accettare passivamente privatizzazioni e assurdi piani industriali che penalizzano l'utenza e al tempo stesso divorano salario. Dall'Alitalia alla Tirrenia, dalle Ferrovie al Trasporto Pubblico Locale, le privatizzazioni, o liberalizzazioni  che dir si voglia, diventano lo strumento per ridurre l'occupazione e aumentare a dismisura la produttività e l'orario di lavoro, spacciando il tutto per un vantaggio ai cittadini mentre aumentano i costi e riducono l'efficienza dei servizi”.

Durante lo sciopero, che prevede anche una manifestazione a Roma, saranno comunque garantiti i servizi minimi essenziali

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Anche i trasporti nella bufera, nuovo stop: sciopero di 24 ore

LatinaToday è in caricamento