Martedì, 19 Ottobre 2021
Cronaca

Sicurezza, il Ministero dell'Interno finanzia i progetti di videosorveglianza pontini

Nei giorni scorsi la firma del ministro Salvini. Sono stati assegnati fondi ai Comuni di Sabaudia, San Felice Circeo e Formia

Ci sono anche tre Comuni pontini tra i 428 che in tutto il Paese riceveranno finanziamenti dal Ministero dell’Interno per la realizzazione di sistemi di videosorveglianza: Sabaudia, Formia e San Felice Circeo. Nei giorni scorsi è arrivata la firma del decreto da parte del Ministro dell’Interno Matteo Salvini. 

Videosorveglianza per borghi e periferie a Sabaudia

Sono circa 150mila euro quelli assegnati all’Amministrazione di Sabaudia per un progetto del valore complessivo di 335mila euro. “Siamo soddisfatti di questo risultato soprattutto perché il progetto presentato riguarda i borghi e le periferie, attualmente scoperti dal servizio di videosorveglianza – ha commentato il consigliere Minervini, delegato alla sicurezza – Questo finanziamento permetterà un controllo importante e capillare del territorio, con tutto ciò che ne consegue anche in termini di prevenzione di episodi criminosi e vandalici”.  

"La videosorveglianza rientra tra le iniziative dedicate alle infrastrutture intraprese dall’Amministrazione comunale in attuazione del programma elettorale – precisa il sindaco Gervasi – Ancora una volta la progettazione, attenta, puntuale e scrupolosa, ha portato i suoi frutti e garantito alla città possibilità importanti a tutela delle esigenze della popolazione”.  

100mila euro per il Comune di Formia 

Il Comune di Formia ha invece ottenuto un finanziamento dal Ministero dell'Interno di 100mila euro per il progetto di videosorveglianza. “Il progetto è stato il primo fascicolo che come sindaco ho trovato sul mio tavolo – dichiara il sindaco Paola Villa - studiato e documentato, è stato da me firmato il 28 giugno. Nel mese di luglio il Prefetto ha convocato tutti i comuni della provincia coinvolti per argomentare il progetto e integrarlo. Al tavolo, in qualità di sindaco di Formia, ho sottolineato le quattro caratteristiche peculiari che ne attribuivano valenza e punteggio: progetto sganciato dagli impianti esistenti e già finanziati; progetto basato sui prodotti radio, eliminando la tassa del ripetitore di Monte Orlando e sfruttando M.te di Mola, Castellonorato e Maranola; progetto che da la priorità alla sorveglianza agli accessi della città (oltre ad avere una funzione di sicurezza, ha caratteristiche tali per prevenzione agli incendi boschivi); progetto che potenzia il "servizio custodia immagini" da mettere a disposizione delle forze dell'ordine.

Tutto questo, grazie al lavoro del Servizio Opere Pubbliche e Manutenzione Urbana del Comune di Formia, grazie all'apporto e il supporto del Comando della Polizia Municipale, e grazie alla consulenza del Commissariato di Formia, ha permesso che il progetto fosse vincente. Mi preme sottolineare che questo finanziamento arriva in concomitanza dell'approdo nel prossimo Consiglio comunale del regolamento di videosorveglianza, di cui Formia e l'intero territorio comunale avevano bisogno, e che mi auguro avrà il consenso dell'intera assise, perché la sicurezza è tema trasversale è tema di tutti”

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sicurezza, il Ministero dell'Interno finanzia i progetti di videosorveglianza pontini

LatinaToday è in caricamento