Truffe in rete e virus online: la polizia mette in guardia gli utenti

La polizia mette in guardia i naviganti pontini per quella che viene definita la nuova insidia informatica, "CryptoLocker", il virus che si installa sul computer attraverso le email

Truffe in rete e virus online: la polizia mette in guardia i naviganti nei confronti di che viene definita la nuova insidia informatica, “CryptoLocker”, il virus che si installa sul computer attraverso le email.

Sono sempre più numerose, infatti, le segnalazioni che giungono alla polizia postale in merito a messaggi di posta elettronica che arrivano nei computer di casa con sedicenti avvisi di rimborsi per altrettanto spese online mai effettuate, con tanto di dettagli sul materiale con rispettivi prezzi.

Come spiegano dalla Questura di Latina, "nella nota, in lingua italiana, piuttosto verosimile nella forma e nei contenuti, il destinatario viene invitato, per  ricevere maggiori informazioni al riguardo, ad aprire un allegato. Si tratta di un virus con un’estensione del tipo .cab/.zip/.scr, che una volta aperto installa nel pc un programma maligno di difficile rimozione, con la successiva perdita dei dati custoditi".

L’ATTACCO - "L’attacco - proseguono dalla Questura - dei criminali informatici è del tipo ransomware con CryptoLocker o simili, ovvero malware con cui i malintenzionati infettano il computer, criptano i dati della vittima e richiedono un pagamento per la decrittazione. Nel caso degli attacchi alle aziende, il virus invita a scaricare allegati importanti relativi a spedizioni ed ordini. Anche se CryptoLocker venisse rimosso subito, i file rimangono cifrati in un modo che attualmente sembra piuttosto inviolabile. Attualmente sembrano attaccati solo computer con sistema operativo Windows.

La richiesta di pagamento per sbloccare il computer, è in Bitcoin, la moneta virtuale non tracciabile, ma, è bene evidenziare che il pagamento non dà la certezza che i dati siano resi fruibili ed il consiglio è di non cedere al ricatto”.

I CONSIGLI - La polizia invita comunque a fare attenzione e a seguire piccoli accorgimenti per la sicurezza informatica. La prevenzione è fondamentale: “innanzitutto è consigliabile fare dei backup periodici sia sui sistemi fissi che mobile. Avere sempre un hard disk esterno dove salvare i documenti più sensibili e utilizzare questo hard disk, preferibilmente, solo su computer senza accesso alla rete internet. Avere sempre un antivirus aggiornato installato, fare sempre attenzione a quello che si visita durante la navigazione e a quello che si scarica o apre, mai agire con superficialità, ma chiedersi se si conosce la fonte e soprattutto se ha senso il contenuto della nota che accompagna il virus. Nessuno offre rimborsi per merce mai ordinata o per tasse stornateW.

La Questura di Latina, pertanto, invita gli utenti a non aprire assolutamente gli allegati delle e-mail sospette e a cestinare immediatamente il loro contenuto prima che possa essere infettato l'intero sistema. In ogni caso per eventuali dubbi si consiglia di contattare sempre la Polizia di Stato.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sperlonga, tromba d'aria si abbatte sul litorale: danni agli stabilimenti

  • Sermoneta, dolore per la scomparsa della 17enne Angela. I suoi organi salveranno 5 vite

  • Presi con 22 chili di cocaina nel camion della frutta: "Non sapevamo nulla"

  • Coronavirus, due nuovi casi in provincia: positivi a Latina ed Aprilia

  • Coronavirus: un nuovo caso in provincia. Rilevati in aeroporto 36 positivi dal Bangladesh

  • Lutto nell'Arma: stroncato da un malore un luogotenente dei carabinieri del Nas di Latina

Torna su
LatinaToday è in caricamento