rotate-mobile
Venerdì, 24 Marzo 2023
La commemorazione

“Vittorio Iacovacci, figlio e carabiniere”: Latina ricorda il militare ucciso nell’attentato in Congo

L’evento commemorativo, a due anni dalla tragedia, organizzato Rotary Club Latina

Vittorio Iacovacci, figlio e carabiniere”: questo il titolo dell’evento commemorativo organizzato dal Rotary Club Latina per ricordare il militare di Sonnino ucciso il 22 febbraio del 2021 in un attentato nella Repubblica democratica del Congo insieme all’ambasciatore italiano Luca Attanasio. 

L’iniziativa arriva proprio a due anni dalla tragedia. “Il ruolo, l’impegno, il sacrificio nel suo essere carabiniere, ma anche gli affetti, l’uomo, le aspettative nell’essere figlio. L’individuo e la divisa nel profilo di un testimone di pace il cui sacrificio assume, se possibile, ancora maggiore spessore in un momento in cui l’Europa orientale è infiammata dalla guerra”: tutto questo, spiega il Rotary Club Latina, vuole essere l’evento in programma per le 18 di giovedì 23 febbraio all’Hotel Europa.

Un profilo del carabiniere, a cui nel dicembre del 2021 è stata assegnata la Medaglia d’oro al Valor Militare, sarà tracciato dal colonnello Lorenzo D’Aloia, comandante provinciale dei carabinieri di Latina, mentre a parlare dell’uomo Iacovacci sarà la cognata Luana di Zazzo. Il “fedele” Vittorio Iacovacci sarà il tema affrontato da Padre Andrea David, sacerdote della congregazione del Verbo Incarnato, e sarà presente anche Alessia Iacovacci, sorella di Vittorio, che interverrà in merito alla “Associazione Vittorio Iacovacci” che opera per migliorare la qualità della vita di bambini e ragazzi portatori di protesi di arto e quella delle loro famiglie, utilizzando lo sport come terapia fisica e psicologica per bambini e ragazzi con disabilità fisiche e promuovendo la conoscenza e la pratica dello sport paralimpico. 

Introdurrà il convegno il presidente del Rotary Club Latina, Antonio Currà. “Prosegue l’impegno del Rotary Club Latina – afferma il presidente - nel proporre all’attenzione della cittadinanza di Latina, e non solo, esempi di impegno civile. Celebreremo la memoria di un uomo nato nella nostra provincia, che ha speso la propria vita per costruire la pace. Il suo senso del dovere spinto all’estremo sacrificio rende la sua figura degna di onore e memoria”. 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

“Vittorio Iacovacci, figlio e carabiniere”: Latina ricorda il militare ucciso nell’attentato in Congo

LatinaToday è in caricamento