Agroalimentare, l’originalità e le eccellenze del Lazio protagoniste al Cibus 2016

La 18esima edizione del Salone internazionale dell'Alimentazione si è concluso ieri; presente anche l'assessore regionale Hausmann: "Sulla scia del successo del Lazio a Expo 2015 a Parma abbiamo presentato i prodotti dell'eccellenza agroalimentare regionale"

Ha visto protagoniste anche numerose aziende pontine e del Lazio la 18esima edizione del Cibus di Parma, il Salone internazionale dell’Alimentazione, che si è concluso ieri.

Presente, dunque, anche la Regione Lazio che ha partecipato come Sistema con Arsial, gli assessorati regionali all’Agricoltura, Caccia e Pesca, Turismo e Sviluppo Economico, LazioInnova, Azienda Romana Mercati, Agenzia regionale del Turismo con uno stand di 260 mq e 25 aziende espositrici.

Il ricco calendario di animazione ha visto un susseguirsi di degustazioni basate sull’abbinamento dei prodotti tipici laziali presenti al Cibus: olii, creme di ortaggi e birre artigianali; olii, sardine e chinotto; biscotteria tradizionale e caffè; prodotti gluten free; pani, olii e sottolio; assaggi del paniere delle eccellenze del Lazio.

Molto partecipati anche i due momenti di gioco/confronto con il pubblico: il minicorso con prova di assaggio comparativa per riconoscere gli olii del Lazio e il contest per votare il condimento da pasta della tradizione romanesca e laziale preferito.

“Durante le giornate della fiera – dichiara l’assessore all’Agricoltura, Caccia e Pesca, Carlo Hausmann - ho personalmente incontrato i 25 produttori, ascoltando le loro aspettative, raccogliendone idee e suggerimenti, annotando i punti su cui torneremo a confrontarci e a lavorare insieme. Al centro della nostra attenzione, rimane ben salda la tutela della produzione delle materie prime, da cui derivano le tante specialità alimentari del Lazio, e la promozione dell'origine locale delle produzioni quale punto di forza per allargare le fette di mercato a favore delle imprese e far conoscere i territori di provenienza”.

Sulla scia del successo del Lazio a Expo 2015 – conclude Hausmann - a Parma abbiamo presentato ai buyers nazionali e internazionali i prodotti dell’eccellenza agroalimentare regionale, un ricco paniere capace di valorizzare a 360° il territorio laziale”.

LE AZIENDE PONTINE PRESENTI

"Continua la crescita della qualità delle Aziende della nostra Regione – aggiunge l’amministratore unico di Arsial, Antonio Rosati -; il Lazio inizia ad essere una regione di punta nel panorama nazionale dell'Agroalimentare. Importante la presenza al Cibus, una delle più significative manifestazioni di settore in Italia, che sta dando un'ottima occasione ai nostri produttori di incontrare molti operatori internazionali di rilievo. Proseguiamo nel solco tracciato dall'amministrazione Zingaretti per un'economia di prossimità con un'elevata attenzione ai consumatori, ai cibi sani e in una prospettiva internazionale. Il cooperare per competere inizia a dare i suoi frutti."

Le aziende presenti al Cibus:
1. cooperativa olivicola di canino
2. angelo colapicchioni
3. formaggi chiodetti
4. perino&perino - pizza croccantina
5. casearia casabianca
6. compagnia degli aromi
7. pollastrini
8. acqua & terme fiuggi
9. brancato piaceri senza glutine
10. frantoio battaglini
11. biosolidale distribuzione
12. ferrari farm
13. pallini
14. caffè haiti roma
15. chinottissimo
16. mondo di laura
17. birradamare italian craft beer
18. consorzio di tutela abbacchio romano igp
19. 2g olearia
20. biscotteria anticoli
21. sulpizio tartufi
22. oleum sabinae
23. sea eagle italia 5
24. le squisivoglie
25. gima caffè

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: 236 nuovi casi in provincia e altre quattro vittime del covid da Latina e Fondi

  • Coronavirus Latina: altri 5 decessi in provincia, 139 i nuovi casi positivi

  • Coronavirus Latina: ancora 260 nuovi casi in provincia. Un altro decesso

  • Coronavirus Latina, la curva sale ancora: 260 nuovi contagi in provincia. Tre i decessi

  • Coronavirus, nuova impennata: 309 casi in provincia, quattro morti. In aumento i ricoveri

  • Coronavirus Latina: la curva dei contagi non si piega, altri 257 in provincia. Tre i decessi

Torna su
LatinaToday è in caricamento