Economia

Crisi nel settore della panificazione, imprese riunite per cambiare rotta

Pronta la risposta alla crisi: incontri organizzati dal sindacato e della Confcommercio di Latina per studiare le iniziative nell'ambito del credito, del marketing e della formazione

La crisi degli ultimi tempi sta investendo anche il settore della panificazione che ha deciso di non farsi trovare impreparato e di organizzarsi per cambiare rotta attraverso una serie di iniziative volte a favorire l’aggregazione delle imprese, la diversificazione della produzione, un rapporto più variegato con i vari segmenti mercato (negozi, distribuzione organizzata, clienti finali), la promozione del prodotto tipico ,la formazione del personale, l’accesso al credito e l’utilizzo delle nuove tecnologie della comunicazione.

In questi giorni si sono tenuti – e ne sono in programma degli altri – una serie di incontri promossi dal sindacato dei panificatori e dalla Confcommercio di Latina per supportare al massimo in settore che rappresenta un valore aggiunto a livello provinciale.

L’incontro che si è tenuto a Latina il 9 settembre è stato presieduto dal presidente provinciale del sindacato dei panificatori Mazzocchi e coordinato dal direttore di Confcommercio Latina il Salvatore Di Cecca.

Dopo l’apertura del presidente Mazzocchi che ha sottolineato le difficoltà del settore e la volontà del sindacato di fornire supporti concreti agli operatori, è intervenuto in rappresentanza del presidente della Camera Zottola ,il consigliere Camerale Luca Targa, che ha assicurato agli operatori presenti l’attenzione costante e concreta della Giunta Camerale.

“Attenzione – fa sapere la Confcommercio - che si concretizza sia sul versante dell’accesso al credito con Intrafidi sia con la creazione di “contenitori” per la promozione e lo sviluppo del sistema economico locale come ad esempio gli interventi a favore dell’economia del mare che da anni includono le imprese del settore artigianale e di produzione tipica in ambito enogastronomico”.

Il Presidente del Sindacato Romano dei Panificatori e membro del Direttivo nazionale, Bartoccci, ha invitato i colleghi a potenziare la capacità aggregativa non solo in termini di forza rappresentativa ,squisitamente sindacale ma soprattutto per immaginare percorsi per differenziare l’offerta e rafforzare il rapporto con la clientela, attraverso il potenziamento dei canali distributivi e commerciali nonché l’aumento della qualità del prodotto e del servizio, cogliendo le opportunità che scaturiscono dalle nuove esigenze della clientela, in particolare al minuto.

Si è passati poi agli interventi tecnici. “In materia di credito e di dinamiche economiche di settore è intervenuto il Professor Bernardino Quattrociocchi della Facoltà di Economia di Roma –La Sapienza che prendendo spunto dal valore sociale oltre che economica della panificazione ha presentato le opportunità che i Consorzi Fidi esistenti e in sviluppo in Provincia possono offrire ma ha soprattutto evidenziato anche in questo ambito l’esigenza di aggregazione del comparto. Il credito è una problematica, ha sottolineato il Professor Quattrociocchi, ma lo è anche la poca consapevolezza della strategicità del settore nell’economia di un territorio”.

“A problematiche della commercializzazione e della comunicazione ha fatto riferimento la dottoressa Cincioni che ha presentato agli operatori i punti cardine del cosiddetto “marketing della crisi” – prosegue la Confcommercio -. Nello specifico sono stati discussi gli strumenti e le tecniche ,proposte da Confcommercio Latina, in tal senso: la creazione di protocolli d’intesa e Reti per modalità di commercializzazione per segmenti di clientela, la diversificazione della produzione tra pane industriale ,pani speciali, prodotti da forno, la creazione di una filiera distributiva da hoc per ristoranti e alberghi”.

Sia la dottoressa Cincioni che il Professor Quattrociocchi hanno ,inoltre, proposto alle imprese l’opportunità di innovare la loro organizzazione introducendo le nuove tecnologie come Internet e la formazione e la qualificazione del personale.

Linee progettuali per uscire dalla crisi:
-    la definizione di un Consorzio delle Imprese della Panificazione di Latina, con la stesura di protocolli d’intesa per la commercializzazione e per la filiera;
-    la definizione di un rapporto privilegiato con Intrafidi;
-    la progettazione e realizzazione di un Sito Internet dedicato;
-    lo studio di fattibilità di una rete di punti vendita per i prodotti da forno tipici, con un relativo disciplinare e marchio;
-    la predisposizione di progetti formativi ad hoc a valere sul Fondo FORTE.
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Crisi nel settore della panificazione, imprese riunite per cambiare rotta

LatinaToday è in caricamento