Economia

Go Welfare sbarca a Latina, città pilota del progetto a sostegno dell’economia locale

Il welfare aziendale di prossimità diventa realtà, con ricadute sul territorio per milioni di euro. Presentato il progetto firmato da Tantosvago

Il welfare aziendale di prossimità diventa realtà a Latina con ricadute sul territorio per milioni di euro: questo il cuore del progetto Go Welfare che vede proprio Latina come città pilota e che è stato presentato oggi nel corso di un incontro all’hotel Fogliano. Il progetto parte da un’idea tanto semplice quanto rivoluzionaria: e se invece di alimentare gli introiti economici delle più note piattaforme di e-commerce, o delle grandi compagnie petrolifere attraverso i classici buoni carburante, dirottassimo questo flusso verso i piccoli imprenditori di un territorio nel quale vivono e lavorano proprio coloro che diverrebbero i principali attori di questa rivoluzione, vale a dire i dipendenti delle aziende?

“Proprio i dipendenti grazie ai loro crediti aziendali destinati al welfare, possono fare acquisti, di qualsiasi genere, non più solo sulle piattaforme dei grandi players internazionali quanto direttamente nel negozio sotto casa creando così un ciclo virtuoso denominato Welfare Aziendale di Prossimità che permette alla comunità di ricevere una spinta economica così importante da risultare linfa vitale in un momento delicato come questo. Parliamo di ricadute di milioni di euro”.

Il progetto Go Welfare

Tutto questo è Go Welfare, progetto firmato da Tantosvago, tra le principali aziende italiane nella fornitura di servizi ai welfare providers e tra le 28 startup più innovative del panorama italiano secondo “Sifted”, magazine di settore del Financial Times (link all’articolo), che ha scelto Latina per lanciare il suo progetto pilota, in vista dell’espansione in tutta Italia. “Ma ogni idea che si rispetti per essere validata necessita di numeri e fatti - viene spiegato -. Immaginiamo che i quasi 10mila dipendenti di alcune delle maggiori aziende che hanno sede nella provincia pontina, tra le quali Abbvie, Heinz, Janssen-Cilag, Mapei e BSP Pharmaceutical, spendano i loro crediti welfare in attività commerciali del territorio, parliamo di una cifra che raggiunge un tetto massimo di 516 euro all’anno pro capite. L’indotto che si genera per l'economia locale supera i 5 milioni di euro sui dodici mesi. Ampliando anche alla platea nazionale composta da più di 3 milioni di dipendenti che usufruiscono dei crediti welfare (dato che non ci sono limiti geografici di nessun genere) è chiaro che la provincia pontina potrebbe godere di un flusso economico enormemente più elevato”.

Al progetto hanno già aderito la Fondazione Roffredo Caetani di Sermoneta attraverso il suo celebre Giardino di Ninfa, Icon Palestre, l'Hotel Fogliano, AKI Associazione Kitesurf Italiana, Good Food & Drink, Bancoventisei, Chaos, La Lucciola in centro, GSP Pilotage Latina solo per nominarne alcuni. La lista è molto ampia e comprende saloni di bellezza, ristoranti, panifici, ferramente, librerie, edicole, bar, pub negozi di abbigliamento. Tutti pronti a far parte di questo circolo virtuoso del Welfare Aziendale di Prossimità alimentato dai lavoratori che, grazie ai loro crediti welfare, possono ora contribuire alla sussistenza delle attività commerciali del proprio territorio.

Latina città pilota

“Latina come territorio pilota non è ovviamente una scelta casuale - spiega Matteo Romano, CEO di Tantosvago -. L’intenzione era cercare di allontanarci dal nord Italia per ampliare la conoscenza e la cultura del Welfare Aziendale. In Italia le politiche di questo genere creano ancora una disparità di diritti tra le diverse aree territoriali. Gap che viene colmato soprattutto con progetti di welfare di prossimità che vanno esattamente a coinvolgere i partner locali, pubblici e privati. Oltre alla sua posizione geografica ideale, Latina è la provincia perfetta in cui lanciare il progetto Go Welfare grazie anche alla spinta economica registrata nell’ultimo anno. Nonostante la pandemia, infatti, il territorio pontino nel corso del 2020 è risultata una delle prime province italiane con il maggior aumento del numero delle attività economiche in Italia  (rapporto Movimprese condotto da InfoCamere per conto dell'Unioncamere link). Inoltre, nel territorio pontino c’è un forte sviluppo del settore terziario oltre ad un’alta concentrazione industriale nel settore chimico, farmaceutico ed agricolo, di cui ben 66 aziende sono già clienti di Tantosvago, qui già predisposte ad accogliere attività legate al welfare di prossimità”.

“Amministrando una delle città più giovani d’Italia è stato per noi un processo naturale aderire all’iniziativa - ha sottolineato il sindaco Damiano Coletta -  sia per le importanti ricadute economiche a favore del territorio, che per la vocazione altamente tecnologica della stessa. Sono certo che la capacità che ha Go Welfare di generare un'economia circolare unita alla capacità di una amministrazione pubblica di far leva sul turismo di prossimità, sia il mix perfetto per aiutare concretamente un territorio a uscire da una delle crisi più profonde che la storia recente ricordi”.
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Go Welfare sbarca a Latina, città pilota del progetto a sostegno dell’economia locale

LatinaToday è in caricamento