Al Teatro Europa di Aprilia va in scena un moderno Amleto

Con lo slittamento ad aprile del classico della drammaturgia italiana Natale in Casa Cupiello, la stagione ufficiale del Teatro Europa di Aprilia, curata quest’anno dalla Compagnia Teatro Finestra in collaborazione con l’ATCL (Associazione Teatrale Comuni del Lazio) con il patrocinio e il contributo del Comune di Aprilia, sarà inaugurata venerdì 6 gennaio con un altro classico del teatro mondiale: Amleto.

Una versione moderna, quella adattata e diretta da Daniele Pecci, che si caratterizza con una prosa semplificata e di facile comprensione, ma fortemente fedele al testo originale di Shakespeare, che permette a uno dei personaggi cardine del teatro moderno di tornare a teatro in una veste contemporanea.

Una versione adattata ai giorni nostri che non perde forza e caratterizzazione grazie alla maestria del Bardo che ha saputo comporre drammi che scandagliano l’animo umano in tutta la sua complessità, le sue contraddizioni, i suoi interrogativi, rendendo i suoi personaggi immortali e sempre attuali.

In scena ben 14 attori della Compagnia Molière, oltre allo stesso Daniele Pecci affiancato da Maddalena Crippa.

Appuntamento quindi per venerdì 6 gennaio al Teatro Europa di Aprilia alle ore 21.00.

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Teatri, potrebbe interessarti

I più visti

  • CoronArte, gli artisti si raccontano in una mostra digitale

    • Gratis
    • dal 25 marzo al 5 giugno 2020
    • profilo Instragram di Andrea Speziali
  • A Piana delle Orme torna Elettron

    • Gratis
    • dal 13 al 14 giugno 2020
    • Museo di Piana delle Orme
  • Il Maggio dei Libri con Sintagma

    • Gratis
    • dal 6 al 31 maggio 2020
    • pagina facebook e sito di Sintagma
  • Maggio dei Libri: gli autori locali on line

    • Gratis
    • dal 14 maggio al 2 giugno 2020
    • pagine facebook delle associazioni promotrici
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    LatinaToday è in caricamento