Coronavirus, cambia il Dpcm nella notte. Coletta: “Il peso del coprifuoco non va lasciato solo ai Comuni”

Il riferimento alla facoltà per i primi cittadini di chiudere vie e piazze dopo le 21 in presenza di assembramenti ha suscitato le reazioni dei sindaci. Il testo poi modificato

Ore convulse dopo la conferenza stampa del presidente del Consiglio Giuseppe Conte ieri sera in vista del nuovo Dpcm con le nuove misure in vigore fino al 13 novembre prossimo per fronteggiare la diffusione del coronavirus. Il nodo quello legato alla facoltà lasciata ai sindaci di chiudere vie e piazze dopo le 21 in presenza di assembramenti. Nella notte, come riferisce questa mattina Today, il Dpcm è stato modificato proprio in questa parte con il testo definitivo pubblicato in Gazzetta Ufficiale e diffuso anche sul sito del Governo che è stato modificato. (qui la notizia).

"I sindaci potranno disporre la chiusura al pubblico dopo le 21 di vie e piazze dove si creano assembramenti, consentendo l'accesso solo a chi deve raggiungere esercizi commerciali o abitazioni private'', aveva affermato il premier a palazzo Chigi durante la conferenza stampa di domenica sera (parte presente nella bozza del Dpcm), ma la misura ha fatto andare su tutte le furie i primi cittadini che si sono sentiti scaricare addosso tutte le responsabilità. Nel Dpcm firmato e pubblicato sul sito di palazzo Chigi, scrive ancora Today, quel riferimento ai primi cittadini non c’è più: "Delle strade o piazze nei centri urbani, dove si possono creare situazioni di assembramento - si legge nel testo approvato - può essere disposta la chiusura al pubblico, dopo le ore 21,00, fatta salva la possibilità di accesso, e deflusso, agli esercizi commerciali legittimamente aperti e alle abitazioni private''.

Il primo a protestare è stato il presidente dell'Anci e sindaco di Bari Decaro: "Il Governo - scrive in una nota - senza nemmeno affrontare il tema nelle numerose riunioni di queste ore, inserisce in un dpcm una norma che sembra avere il solo obiettivo di scaricare sulle spalle dei sindaci la responsabilità del coprifuoco agli occhi dell'opinione pubblica. Questo non lo accettiamo”.

Sulla stessa lunghezza d’onda anche il sindaco di Latina Damiano Coletta che ha manifestato ieri sera la sua posizione attraverso due messaggi su Twitter. “La situazione coronavirus è complicata, richiede l’impegno di tutti. Hanno però ragione Antonio Decaro, Dario Nardella e gli altri sindaci a dire che il peso del coprifuoco non può essere lasciato solo ai Comuni” ha scritto Coletta. “Così si scarica sui sindaci la responsabilità di una scelta senza avere sufficienti strumenti di controllo” ha poi aggiunto il primo cittadino del capoluogo pontino. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: 236 nuovi casi in provincia e altre quattro vittime del covid da Latina e Fondi

  • Coronavirus Latina: altri 5 decessi in provincia, 139 i nuovi casi positivi

  • Coronavirus Latina, la curva sale ancora: 260 nuovi contagi in provincia. Tre i decessi

  • Coronavirus, nuova impennata: 309 casi in provincia, quattro morti. In aumento i ricoveri

  • Coronavirus Latina: sono 169 i nuovi casi positivi in provincia. Altri tre decessi

  • Coronavirus Latina: la curva dei contagi non si piega, altri 257 in provincia. Tre i decessi

Torna su
LatinaToday è in caricamento