Elezioni - “Cittadella dei giovani”: proposta di Chiarato per un progetto culturale

La proposta del candidato sindaco per i giovani: “Io penso ad una multiarea polifunzionale compresa tra il vecchio Consorzio Agrario ed i Giardini Pubblici dove realizzare un grande progetto culturale e multidimensionale”

Gianni Chiarato

Una vera e propria “cittadella dei giovani”: questa la proposta di Gianni Chiarato per il quale la “‘questione giovanile’ è di importanza primaria per chi ritiene che il futuro di una città sia un traguardo da raggiungere con un percorso da impostare oggi”. “Ad oggi sembra che la più concreta delle opportunità di aggregazione che hanno i giovani della città e di ritrovarsi senza un obiettivo preciso in una zona detta “la via dei pub”, ovvero lo spazio compreso a destra di piazza Roma fino a via Matteotti - spiega il candidato sindaco di “Fare! con Flavio Tosi” alle prossime elezioni.

“Ritengo che un comune capoluogo di provincia e seconda città del Lazio non possa limitarsi a mettere quattro transenne ed invitare la propria gioventù a divertirsi alzando il gomito e poi non fare nulla per creare altre modalità di incontro e di crescita comune. Le società sportive dilettantistiche sono una risposta degna a questo bisogno e vanno sostenute come tutte le altre realtà di aggregazione e di espressione della gioventù ma restano uno strumento sociale comunque limitato.

Di fatto i giovani della città non hanno spazi opportuni dove sviluppare le loro ambizioni di creatività”.

Da qui la proposta di una multiarea polifunzionale compresa tra il vecchio Consorzio Agrario ed i Giardini Pubblici dove realizzare un grande progetto culturale e multidimensionale. “Si tratta - spiega - di trasformare il complesso del vecchio consorzio in un open space dove i giovani possono usufruire delle aree interno per la realizzazione di installazioni artistiche, studi per audiovisivi e di registrazione, teatri di scena e di proiezione ed una biblioteca contemporanea composta di lavagne LIM e tablet in grado di contenere migliaia di testi al loro interno. Contemporaneamente l’area del parco Mussolini prospicente dovrà diventare un area museale artistica dove le stesse attività di arte e culturali possano trovare espressione e divulgazione al pubblico.

Il tutto verrà gestito da associazioni composte da giovani per i giovani sotto il controllo del Comune attraverso i suoi uffici. Il progetto può essere finanziato sia dal Piano Locale Giovani della Provincia che dai Fondi Europei per le politiche Giovanili”.

“Io penso - conclude Chiarato - fermamente che la cultura non è un rimorchio bisognoso di assistenza ma una straordinaria piattaforma di occasioni e che è in grado di sviluppare economia e ricadute sociali di notevole importanza”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: 236 nuovi casi in provincia e altre quattro vittime del covid da Latina e Fondi

  • Coronavirus Latina: ancora 260 nuovi casi in provincia. Un altro decesso

  • Coronavirus Latina: la curva non scende, 244 nuovi casi in provincia. Altri 3 decessi

  • Coronavirus, la curva continua a salire: altri 236 casi, ancora sette morti in 24 ore

  • Coronavirus Latina: si impenna ancora la curva, 274 i nuovi casi. Altri 6 decessi

  • Coronavirus, racconto dal reparto dei pazienti gravi: "Covid contagiosissimo e pericoloso. L'età si abbassa"

Torna su
LatinaToday è in caricamento