menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Impianti sportivi a Latina, in Consiglio comunale passa il nuovo regolamento

Ernesto Coletta: "Dopo 40 anni di caos e mancanza di regole nelle concessioni degli impianti sportivi, sarà finalmente garantito un accesso ai beni comuni in maniera equa e trasparente"

Approvate le modifiche al regolamento degli impianti sportivi. Un passo molto importante per il lavoro portato avanti dagli uffici e in commissione, ma anche perché permetterà finalmente di far uscire i bandi. Ecco dunque le novità.

L'inclusione sociale: ogni società, per avere una ulteriore riduzione delle tariffe concessorie del 50%, dovrà avere almeno cinque bambini segnalati dai servizi sociali che non possono iscriversi per svariati motivi; questi ultimi avranno gratis l’iscrizione e il kit della società

Calcio femminile: oggi a Latina ci sono due squadre che non hanno un campo da gioco e quindi il comune si impegnerà per trovare un adeguato spazio di gioco.

Concessioni: da uno schema di 6 anni + 6 si passa ad uno che parte dai 6 anni e che può arrivare fino ai 20 anni; un’assegnazione di vent’anni potrà avvenire nel momento in cui, chi partecipa al bando, presenterà un progetto per fare un nuovo impianto con i fondi agevolati del Credito sportivo

“La modifica del regolamento ha per noi un aspetto politico molto rilevante – spiega Ernesto Coletta, vice capogruppo di Lbc e consigliere con mandato del sindaco allo Sport – A lungo questa amministrazione è stata ingiustamente accusata di aver sbattuto in faccia la porta alle società sportive, quando invece lo sport a Latina non si è mai bloccato per motivi dipendenti dall’amministrazione in questi quattro anni e, anzi, il sindaco ha firmato le ordinanze per far disputare le partite e tutti i campionati sono andati avanti fino all’interruzione dovuta all’emergenza covid. I bandi ci saranno finalmente, ma prima ci sarà una novità importantissima, introdotta proprio da Lbc, e che rivoluzionerà i rapporti con le società sportive nell’ottica di una sempre maggiore collaborazione e senso di responsabilità comune. Si tratta della manifestazione di interesse a cui hanno partecipato 83 soggetti tra professionisti e associazioni di professionisti: ne saranno selezionati tre e il loro compito sarà quello di “fotografare” tutti gli impianti sportivi prima della consegna. Latina passerà alla logica del bando: dopo 40 anni di caos e mancanza di regole nelle concessioni degli impianti sportivi, sarà finalmente garantito un accesso ai beni comuni in maniera equa e trasparente, con la possibilità di gestirli fino a venti anni in totale legittimità e capacità”.  

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

LatinaToday è in caricamento