rotate-mobile
Martedì, 7 Dicembre 2021
Politica Latina Lido

Litorale, l’affondo di Di Cocco: “Penalizzato da ritardi e indecisioni dell’Amministrazione”

L'ex assessore al Turismo: "Hanno vinto le ultime elezioni proponendosi come una svolta rispetto al passato, oggi fanno addirittura rimpiangere l'amministrazione Di Giorgi nelle politiche per il nostro litorale"

“Ancora una volta ritardi, indecisioni e scelte incomprensibili di questa amministrazione penalizzano i cittadini e gli operatori della Marina di Latina”: a parlare Gianluca Di Cocco (Idea/Cuori Italiani)  che punta il dito contro il sindaco Coletta e Latina Bene Comune in merito alla situazione del Litorale.

“Hanno vinto le ultime elezioni proponendosi come una svolta rispetto al passato, oggi fanno addirittura rimpiangere l'amministrazione Di Giorgi nelle politiche per il nostro litorale” prosegue Di Cocco. “In quegli anni in cui ho anche ricoperto il ruolo di assessore al Turismo, le scelte e gli indirizzi amministrativi per la Marina erano chiari, tanto che siamo riusciti ad ottenere la bandiera blu di cui oggi si vantano anche gli attuali amministratori. Prima che la crisi politica colpisse quella maggioranza e frantumasse il centrodestra la nostra Marina stava attraversando una vera e propria fase di rilancio, mentre oggi il declino è sotto gli occhi di tutti”.

“Ogni giorno si scopre una nuova mancanza - rincara Di Cocco -: la gara per il servizio dei bagnini è in bilico con la ditta esclusa che ha fatto una richiesta di accesso agli atti e l'altra chiamata dagli uffici a provare la congruità della propria offerta; le passerelle per la discesa a mare versano in uno stato pietoso di incuria e di completo abbandono; i chioschi sul lato di Rio Martino sono praticamente una chimera e non basta solo un esposto in questura da parte del Sindaco a giustificare i ritardi. Così come non bastano le passeggiate della consigliera Ciolfi a modificare la percezione dell'abbandono in cui anche quest'anno il Comune sta lasciando il nostro litorale”. 

“Segnalo che ad oggi non si ha notizia di autorizzazione per i parcheggi privati, nessun potenziamento delle linee autobus per il Mare” prosegue l’ex assessore al Turismo che fa anche riferimento alla questione del cambio o meno di senso unico nel tratto tra il villaggio dei giornalisti e Foce Verde. “Proprio in virtù di questa mancanza di certezze, a pochi giorni dall'arrivo dell'estate, io che sono stato uno dei principali fautori del cambio di senso unico arrivo a chiedere a questa amministrazione di fermarsi e di rimandare tutto a settembre, quando magari avrà le idee più chiare e senza creare ulteriori danni a chi ha programmato la stagione in virtù dell'attuale viabilità”.

“Inutile parlare poi dell'erba alta che si può notare ovunque, così come l'immondizia nonostante il grande impegno degli operatori della LatinaAmbiente, oltre che della mancanza di un cartellone di serate musicali. Infine non va dimenticato il trattamento riservato ai pescatori e ai diportisti di Foceverde rimasti senza discesa a mare, addirittura cacciati in malo modo dal consiglio comunale.

Sono passati due mesi da quando gli operatori della Marina sono stati ascoltati in Comune: noi con spirito di collaborazione abbiamo proposto tutta una serie di provvedimenti che però fino ad oggi sono rimasti lettera morta. Dispiace davvero perché il litorale della seconda città del Lazio non merita un degrado simile” conclude Di Cocco.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Litorale, l’affondo di Di Cocco: “Penalizzato da ritardi e indecisioni dell’Amministrazione”

LatinaToday è in caricamento