Giovedì, 18 Luglio 2024
Politica

Come rinasce il Mercatino di via Verdi: affidata alla Asl la concessione in uso dell’immobile

La deliberazione assunta dal commissario straordinario con i poteri del Consiglio comunale. E’ l’esito della procedura di evidenza pubblica. Quale è la proposta avanzata dall’Azienda sanitaria locale

E’ stata affidata alla Asl di Latina la concessione in uso del Mercatino di via Verdi. E’ quanto si legge nella deliberazione del 28 febbraio scorso del commissario straordinario Carmine Valente assunta con i poteri del Consiglio comunale in merito agli esiti della “procedura di evidenza pubblica finalizzata all’acquisizione di manifestazioni di interesse per la valorizzazione e ottimizzazione dell’immobile” che si trova nei pressi dell'ospedale Goretti e all’affidamento in concessione dello stesso. 

Come si legge anche nel documento, il Comune di Latina è proprietario del cosiddetto “Mercatino di via Verdi” e “constatato lo stato di degrado" della struttura, l’Amministrazione con deliberazione di Giunta del 7 luglio 2022 - “Atto di indirizzo per avvio di procedura ad evidenza pubblica finalizzata all’acquisizione di manifestazione di interesse per la valorizzazione e ottimizzazione dell’immobile denominato 'Mercatino di Via Verdi'” - ha espresso la necessità di acquisire manifestazioni di interesse “alla concessione in uso dell’immobile da parte di soggetti" che si fossero impegnati a valorizzarlo attraverso una sua profonda ristrutturazione che, oltre a migliorarne le prestazioni edilizie, strutturali e impiantistiche, ne riqualificasse e rivalutasse anche gli usi, nel rispetto dello strumento urbanistico vigente che qualifica l’area a “Servizi comuni”, dando di fatto mandato al Servizio Patrimonio, Edilizia Pubblica, Espropri di avviare l'apposita procedura di evidenza pubblica.

L’obiettivo era quello di individuare un operatore economico che, previa ristrutturazione e valorizzazione, gestisse la struttura e varie attività “promuovendo la rivitalizzazione e la riqualificazione dell’area”. Con la determinazione dirigenziale del 26 ottobre dello scorso anno è stato avviato il procedimento di evidenza pubblica finalizzato alla raccolta delle manifestazioni di interesse e dopo la pubblicazione dell’Avviso pubblico ne sono pervenute cinque da parte della Asl di Latina, della ditta individuale Maione Store; del privato Mauro Nardin, della Società Taumar srl e della società Scuccato S.A. Soluzioni Edili. 

Tra tutte le proposte pervenute a spuntarla è stata quella della Asl di Latina. “A seguito dell’esito dell’indagine di mercato - si legge nel documento -, si ritiene la proposta progettuale dell’Azienda Sanitaria Locale di Latina essere quella maggiormente rispondente al fine che questa Amministrazione si era posta con l’Avviso Pubblico, ovvero la riqualificazione della struttura e l’offerta di servizi utili alla collettività”; e ancora che tra “i soggetti che hanno presentato la manifestazione di interesse, l’Azienda Sanitaria Locale di Latina è l’unico ente dotato di personalità giuridica pubblica, e nello specifico con il compito di garantire la tutela della salute come diritto fondamentale dell'individuo ed interesse della collettività”. Nello specifico la proposta della Asl prevede la realizzazione di un’area per vaccinazioni/tamponi; un’area di sorveglianza sanitaria, un’area di formazione, un’area amministrativa ed ambulatoriale. un’area di assistenza farmaceutica. 
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Come rinasce il Mercatino di via Verdi: affidata alla Asl la concessione in uso dell’immobile
LatinaToday è in caricamento