Un lungomare “plastic free” a Latina: arriva l’ordinanza del Comune

Sarà in vigore dal 1° luglio; con il provvedimento si avvia una “fase sperimentale di applicazione delle misure di divieto del consumo di plastica monouso non biodegradabile e non compostabile” al Lido

Un lungomare “plastic free” a Latina. E’ stata pubblicata oggi, mercoledì 12 giugno l’ordinanza (qui il testo integrale) che ha come oggetto “Latina Plastic Free. Disposizione per contrastare l’aumento dei rifiuti in plastica nel mare” e che entrerà in vigore dal 1° luglio.

Con questo provvedimento, l’Amministrazione comunale intende avviare “una fase sperimentale di applicazione delle misure di divieto del consumo di plastica monouso non biodegradabile e non compostabile nel territorio della marina per poi, verificata l’efficacia del dispositivo di divieto, estenderne l’applicazione progressivamente a tutto il territorio comunale”.

A partire dal 1° luglio si ordina infatti, a chiunque utilizzi arenili, liberi o in concessione, nel territorio di Latina:
- di non gettare in mare o lasciare sugli arenili rifiuti di qualsiasi genere;
- di conferire i rifiuti negli appositi contenitori per la raccolta differenziata; 
- di consumare in contenitori di vetro le bevande vendute o somministrate all’interno dei locali con accesso alla spiaggia; 
- di utilizzare contenitori per alimenti e bevande destinati al consumo immediato, sul posto o da asporto quali: sacchetti monouso, posate, piatti, vassoi, contenitori per alimenti, cannucce, paline per il caffè, ect.., preferibilmente in materiale biodegradabile e compostabile e/o riutilizzabile.

Inoltre, secondo quanto riporta l’ordinanza, i titolari di strutture balneari, i concessionari di arenili per stabilimento balneare, nonché i chioschi e le attività commerciali prossime al litorale “dovranno dotarsi di idonei contenitori per la raccolta differenziata e dei prodotti da fumo; utilizzare, nell’esercizio dell’attività, sacchetti monouso, posate, piatti, vassoi, contenitori per alimenti, cannucce, paline per il caffè, ect.., in materiale biodegradabile e compostabile; somministrare tutte le bevande in contenitori di vetro all’interno dei locali con accesso alla spiaggia”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I concessionari di strutture balneari dovranno inoltre curare la perfetta manutenzione delle aree in concessione e la pulizia dell’area indicata nel titolo concessorio, fino al battente del mare, ed anche dello specchio acqueo immediatamente prospiciente la battigia. “Nel rispetto del vigente Regolamento del servizio di igiene urbana - concludono dal Comune -, il concessionario dovrà effettuare la raccolta differenziata dei rifiuti sull’arenile in concessione, i materiali di risulta dovranno essere sistemati in appositi contenitori chiusi, in attesa del ritiro da parte del gestore del servizio e sull’area in concessione dovranno essere collocati cestini per i rifiuti in numero adeguato, che dovranno essere regolarmente mantenuti in ordine e svuotati dei rifiuti ivi contenuti”.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Fase 2, arriva l'ordinanza per le spiagge: si apre il 29 maggio. Ecco le regole

  • Coronavirus Priverno, cluster al centro dialisi: 14 i positivi. La Asl fa il punto della situazione

  • Coronavirus: un morto in provincia, sette nel Lazio e 18 positivi in più

  • Fase 2, la nuova ordinanza nel Lazio: dal 25 maggio riaprono le palestre, dal 29 gli stabilimenti

  • Coronavirus: salgono a 536 i casi in provincia, nel Lazio sono 3786 gli attuali positivi

  • Tragedia nelle acque del Circeo: sub accusa un malore in acqua e muore

Torna su
LatinaToday è in caricamento