Rifiuti, attacco di CasaPound: striscioni alle isole ecologiche di Chiesuola e Latina Scalo

"L'isola che non c'è" recitano gli striscioni affissi nella notte dai militanti di CasaPound. Il candidato sindaco Savastano: "Puntiamo il dito ancora una volta contro le precedenti amministrazioni e contro le opposizioni complici"

"L’isola che non c’è”: striscioni di protesta sono stati affissi da CasaPound presso le isole ecologiche, ormai in disuso, della Chiesuola e Latina Scalo. 

Il blitz dei militanti nella notte appena trascorsa. “In questo periodo di campagna elettorale - commenta il candidato sindaco del movimento, Marco Savastano - non vogliamo perdere di vista i problemi della città e il malcostume della politica locale nei confronti di progetti iniziati e poi abbandonati con un gran sperpero di denaro pubblico. 

Puntiamo il dito ancora una volta contro le precedenti amministrazioni e contro le opposizioni complici”. 

“L'esperienza fallimentare di Latinambiente è il risultato di quel modello di municipalizzata dove i privati speculano su servizi essenziali di interesse pubblico nella complicità colpevole della politica.

Come CasaPound - conclude Savastano - non possiamo permettere a certi personaggi di presentarsi come il nuovo a questa tornata elettorale senza dover rendere conto dei disastri passati. Sfortunatamente per loro noi abbiamo la memoria lunga”. 

isole_ecologiche_casapound_1 isole_ecologiche_casapound_2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente sulla Pontina: investito da un tir, muore un uomo di 43 anni

  • Coronavirus Latina, la curva sale ancora: 260 nuovi contagi in provincia. Tre i decessi

  • Coronavirus Latina: sono 169 i nuovi casi positivi in provincia. Altri tre decessi

  • Coronavirus Latina: nuovi casi ancora sopra i 200 in provincia. Altri 6 decessi

  • Morto dopo un inseguimento, la guardia giurata condannata a nove anni per omicidio

  • Coronavirus Latina, altri 231 contagi. Ma non c'è alcun decesso nelle ultime 24 ore

Torna su
LatinaToday è in caricamento