menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

La commissione Ambiente di Sabaudia "boccia" il sito di stoccaggio rifiuti in zona Plasmon

L'organo consiliare si è riunito il 6 febbraio per confrontarsi proprio su questo tema, dopo l'indicazione di un sito che confina con il comune di Sabaudia

La commissione Ambiente del Comune di Sabaudia dice no all'impianto di stoccaggio di rifiuti. L'organo consiliare si è riunito ieri, 6 febbraio, per confrontarsi sulla realizzazione del sito di inerti nella zona a ridosso della Plasmon, al confine proprio con il comune di Sabaudia. Hanno partecipato il sindaco Giada Gervasi, il presidente della commissione Francesca Avagliano, l’assessore all’Ambiente Tiziano Lauri, i consiglieri Immacolata Iorio, Gennaro Riccardi, Luca Danesin, Vincenzo Avvisati e Giovanni Secci.

Ad introdurre i lavori sono stati il primo cittadino e l’assessore all’Ambiente, che hanno ripercorso le tappe dell’iter che hanno condotto al piano provinciale dei rifiuti, a cui Sabaudia aveva già votato contro ad aprile del 2018, e del successivo voto contrario espresso nell’Assemblea dei sindaci del 20 gennaio scorso, quando per la prima volta viene proposta l’individuazione del sito nei pressi della Plasmon. All’incontro, su richiesta del presidente Avagliano, hanno preso parte anche i responsabili di settore, Rosanna Del Duca e Carlo Gurgone, impegnati in questi giorni nella predisposizione di una relazione tecnica illustrativa dei motivi ostativi alla costruzione del sito. Tra questi, la vicinanza al Parco Nazionale del Circeo e al canale Rio Martino, su cui vigono tutele e vincoli, a centri abitati e aree agricole.

La commissione dunque, convenendo sulla necessità improcrastinabile di tutela del territorio, ha condiviso intenti e azioni da intraprendere che saranno oggetto della nuova seduta convocata per la prossima settimana a cui seguirà un Consiglio comunale. La commissione ribadisce il secco “No” al sito di stoccaggio già esternato da Sindaco e Assessore all’Ambiente – commenta il presidente, Francesca Avagliano –. Ritengo sia importante la chiusura del ciclo dei rifiuti sul territorio pontino ma è fondamentale operare scelte che non confliggano con le politiche di salvaguardia dell’ambiente e della sicurezza dei cittadini oltrechè di un’area particolarmente sensibile per le sue caratteristiche geomorfologiche e naturalistiche.  Da non dimenticare che pochi mesi fa il Comune di Sabaudia ha adottato il Piano d’Azione per l’Energia Sostenibile e il Clima (Paesc) a riprova, ancora una volta, dell’attenzione dell’Amministrazione comunale ai temi ambientali e alla tutela del territorio”

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

LatinaToday è in caricamento