rotate-mobile
Attualità

Accoglienza scolastica dei bambini ucraini, Lbc: “Una rete con operatori sanitari e dirigenti”

L’intervento dei consiglieri Proietti e Campagna dopo l’interrogazione all’assessora Pazienti: “E’ nostro dovere fare qualcosa di concreto per garantire l’accoglienza anche scolastica dei bambini”

Continua l’impegno dell’Amministrazione comunale a Latina nel difficile compito dell’accoglienza degli ucraini in fuga dalla guerra. Tema delicato è in particolare quello dell’accoglienza scolastica dei bambini. “Interrogata dal gruppo di Latina Bene Comune in sede di commissione consiliare - jha spiegato il consigliere di Lbc Gianmarco Proietti -, l’assessora Laura Pazienti ha garantito che verrà coordinata, a livello comunale, l’accoglienza dei bambini, delle bambine, dei ragazzi e delle ragazze provenienti dall’Ucraina, nelle scuole di ogni ordine e grado”.

“L’obiettivo – prosegue Proietti - è costruire una rete strutturata con le Asl, il welfare ed i dirigenti scolastici, garantendo anche l’assistenza di psicologi e mediatori culturali”. “L’impegno dell’amministrazione e di Lbc al fianco dell’Ucraina e della sua gente, quindi, si fa ancora più consistente in un momento in cui la tensione cresce ed il conflitto non accenna ad arrestarsi. Lo scenario ha un inevitabile impatto in termini migratori: l’ultimo dato fornito dal Ministero dell’Interno (aggiornato all’8 marzo 2022) dice che sono 21.095 i cittadini ucraini accolti nel nostro paese, e che 8.553 di questi sono minori. È pertanto nostro dovere – conclude Proietti – fare qualcosa di concreto per garantire l’accoglienza anche scolastica dei bambini, delle bambine, dei ragazzi e delle ragazze. Così come è nostro dovere lavorare, quindi, alla loro assistenza ed integrazione nel pieno rispetto delle norme sull’accoglienza dei minori, sia accompagnati che soli. Un plauso all’Assessora Laura Pazienti per aver accolto la sollecitazione e per aver dato impulso, con prontezza e celerità, all’iniziativa solidale”.

“Latina è, storicamente, città dell’accoglienza, ed in questo passaggio lo sta dimostrando” ha detto la capogruppo di Latina Bene Comune Valeria Campagna. “La risposta dei cittadini e delle cittadine è encomiabile. Applaudo alle tante attività di volontariato e volgo il mio plauso alle associazioni che si stanno muovendo, in queste ore, per sostenere il popolo ucraino”.

Ricordiamo che è possibile donare viveri, beni di prima necessità, prodotti per bambini (per esempio pannolini), prodotti sanitari femminili (per esempio assorbenti) e medicinali - di cui c’è particolare urgenza - presso la sede de L’Approdo in via Terenzio 30. Si ricorda, infine, che il Comune ha attivato un indirizzo di posta elettronica ‘aiutiucraina@comune.Latina.it’ al quale possono rivolgersi cittadini ed associazioni per chiedere il ritiro da parte della Protezione Civile comunale dei beni di prima necessità raccolti autonomamente, o per comunicare la disponibilità di posti letto da offrire gratuitamente a persone provenienti dalla zona di guerra.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Accoglienza scolastica dei bambini ucraini, Lbc: “Una rete con operatori sanitari e dirigenti”

LatinaToday è in caricamento