rotate-mobile
Il caso

Dimensionamento scolastico, spunta una petizione per fermarlo

La promotrice: "Vogliamo garantire un futuro migliore per i nostri figli”

Contro il dimensionamento scolastico voluto dalla Regione si era già scatenata una pioggia di critiche da parte delle istituzioni e della politica, ora spunta anche una petizione per cercare di impedire l'accorpamento di numerosi istituti del Lazio. Come riporta Roma Today, la petizione è stata lanciata su Change.org e l'autrice, Giulia Ronga, scrive: “Io, come molti altri residenti del Lazio, sono profondamente preoccupata per l'approvazione del Decreto Interministeriale n.127 del 30/06/2023, che innalza il numero minimo di alunni delle istituzioni scolastiche a 900 studenti. Questo provvedimento riduce drasticamente il numero delle istituzioni scolastiche regionali e aumenta in modo esorbitante il carico di lavoro delle dirigenze scolastiche”. 

Il timore, come si legge nella petizione, è che questi accorpamenti possano comportare “ripercussioni negative su molte attività importantissime per i nostri ragazzi come il supporto post-scuola, le attività gratuite pomeridiane, la distribuzione dei libri in comodato d'uso e l'attenzione allo svantaggio socioculturale e all'assistenza psicologica” scrive l'autrice della petizione. Da qui la richiesta di una “revisione della legge che tenga conto dell'impatto reale sulle nostre comunità educative. Vogliamo garantire un futuro migliore per i nostri figli”. La petizione, al momento, ha ottenuto 998 adesioni. 

Il piano di dimensionamento degli istituti scolastici per l'anno 2024- 2025 ha comportato per la provincia di Latina, un'unica novità: l'accorpamento dell'istituto agrario- alberghiero San Benedetto di Latina con l'istituto superiore Einaudi Mattei. Una scelta che l'assessore pontino al Lavoro, Università e Scuola Giuseppe Schiboni aveva definito "complessa, sotto alcuni aspetti drastica, figlia di un iter complicato segnato da tempi contingentati e dettami ministeriali in costante evoluzione che ci hanno imposto di rispondere a quanto previsto dal quadro normativo nazionale".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dimensionamento scolastico, spunta una petizione per fermarlo

LatinaToday è in caricamento